Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Muos, cosa chiedono M5s e Sel nelle loro mozioni

muos 13 febbraio 2014

ROMA (Public Policy) - In ogni caso, sospendere i lavori. Le motivazioni sono varie: ambientali, di salute, ma anche 'antimilitariste'. Vediamo, nel dettaglio, cosa chiedono i senatori del Movimento 5 stelle e di Sinistra ecologia e libertà nelle loro mozioni sul sistema di telecomunicazioni satellitari, targato Usa, Muos di Niscemi (Caltanissetta), discusse oggi in aula a Palazzo Madama.

MOZIONE M5S: RISPETTARE IL DISPOSITIVO DEL TAR
I 5 stelle, che esprimono "fortissime preoccupazioni riguardo le conseguenze dell'istallazione di tale sistema sulla salute umana, sull'ecosistema della Sughereta di Niscemi, sulla qualità dei prodotti agricoli, sul diritto alla mobilità e allo sviluppo del territorio, sul diritto alla sicurezza del territorio e dei suoi abitanti", chiedono al governo di "rendere effettiva la sospensione dei lavori [...] nel rispetto del dispositivo della sentenza del Tribunale amministrativo regionale di Palermo del 9 luglio 2013 che ha respinto le richieste di sospensiva presentate dal ministero della Difesa contro la Regione siciliana, e che aveva arrestato i lavori per il Muos in applicazione del principio di precauzione circa la salute della popolazione locale".

MOZIONE SEL: SOSPENDERE L'ACCORDO CON GLI USA
Il partito guidato da Nichi Vendola "impegna il Governo ad attivarsi per quanto di competenza al fine di sospendere l'esecuzione di ogni accordo bilaterale relativo alla realizzazione del sistema di trasmissione satellitare [...] e rimettere ogni accordo al riguardo al Parlamento ai fini dell'approvazione preventiva ai sensi" degli articoli "80 ed 87 della Costituzione previa informativa al Parlamento sulle reali caratteristiche e condizioni d'uso dell'impianto di trasmissione, sulla sua possibile esclusione in occasione di eventi bellici, sui costi sostenuti dal Governo italiano per le basi militari statunitensi e lo stazionamento dei militari Usa in Italia". (Public Policy)

GAV

© Riproduzione riservata