Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Impeachment M5s vs Napolitano, Forza Italia ci pensa

napolitano 10 febbraio 2014

ROMA (Public Policy) - Mentre è in corso il Comitato parlamentare per i procedimenti di accusa sulla richiesta di impeachment nei confronti di Giorgio Napolitano, presentata dal M5s, Forza Italia accarezza l'idea di appoggiare la messa in stato d'accusa del Capo dello Stato. Il tutto a seguito di alcune testimonianze contenute nel libro di Alan Friedman, "Ammazziamo il gattopardo", anticipate oggi dal Corriere della sera, secondo cui il Presidente della Repubblica "sondò" monti già nell'estate del 2011, quando era in carica il governo Berlusconi.

Circostanza peraltro confermata dallo stesso leader di Scelta civica Mario Monti. Augusto Minzolini (FI) ha invitato il suo partito a valutare "sempre con maggiore attenzione" la richiesta di impeachment del presidente della Repubblica presentata dall'M5s: "Da anni ripeto che quanto avvenne nell'estate del 2011 somiglia molto a un complotto internazionale - dice - per far fuori il governo Berlusconi che ha avuto grosse complicità anche nel nostro Paese. Le rivelazioni del libro di Friedman sono un ulteriore conferma che in quell'occasione fu spazzato via dallo scenario europeo il premier e un governo, che si opponevano alle mire egemoniche della Germania sulla Ue e a una politica che ha provocato, com'è oggi sotto gli occhi di tutti, miseria nella maggior parte dei paesi dell'Unione e benessere solo a Berlino", dichiarato il senatore di Forza Italia.

"Appare sempre più evidente - aggiunge Minzolini - il ruolo che ebbe in quei mesi il presidente Napolitano e la concezione che ha della sua carica, allora come oggi, estremamente interventista nella politica italiana. Un interventismo che in quell'occasione può addirittura configurarsi come un disegno ai danni di un altro organo dello Stato. Probabilmente se non fossero state distrutte - per volonta' dello stesso capo dello Stato - le intercettazioni telefoniche con l'ex-ministro dell'Interno, Nicola Mancino, avremmo trovato altre tracce di quei fatti". "Di fronte a queste nuove rivelazioni - conclude Minzolini - andrà valutata sempre con maggiore attenzione - non fosse altro come occasione per ricostruire quei mesi e gettare una luce di verità sulla Storia del nostro Paese - la procedura di impeachment nei confronti del presidente Napolitano promossa da altri gruppi politici in Parlamento". (Public Policy)

RED

© Riproduzione riservata