Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Niente tromboni per la Somalia, il governo ritira l'offerta

trombone musica 30 giugno 2016

di Fabio Napoli

ROMA (Public Policy) - Il governo, su richiesta del relatore per la commissione Difesa Vito Vattuone, ha ritirato in aula al Senato l'emendamento al dl Missioni per la cessione alla Somalia, a titolo gratuito, di quattro vetture munite di sistemi di monitoraggio e tracciamento delle reti di telefonia mobile Gsm/Gprs (Ga900) e di sedici strumenti musicali per la banda.

La richiesta di ritiro, poi accolta, è arrivata dopo numerosi interventi delle opposizioni che criticavano l'inopportunità di far votare al Senato un emendamento per la cessione di strumenti musicali. A intervenire era stato anche il senatore Pd Ugo Sposetti per annunciare il suo personale voto contrario parlando di voto "ridicolo" per il Senato a causa di cessione di 'tromboni'.

L'emendamento, come riportato da Public Policy, era stato approvato dalle commissioni congiunte Esteri e Difesa.

Nello specifico, l'emendamento che ha suscitato le proteste delle opposizioni si sarebbe inserito - spiegava la relazione illustrativa - "nel più ampio quadro delle attività di assistenza e cooperazione intese a rafforzare i rapporti con la Somalia e vuole corrispondere a una specifica richiesta da parte della Somali Police Force".

Nello specifico gli strumenti musicali che sarebbero stati donati sarebbero stati: quattro filicorni, quattro tromboni, un sax, una tromba, un flauto e cinque clarinetti.

i contenuti del decreto - in abbonamento

@ShareTheRoadFab

© Riproduzione riservata