Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

NOZZE GAY, CECILIA GUERRA: LA LEGGE DISCRIMINANDO GIUSTIFICA LA DISCRIMINAZIONE

OMOFOBIA, AULA CAMERA APPROVA SUBEMENDAMENTO GITTI. A FAVORE ANCHE LEGA NORD 27 giugno 2013

NOZZE GAY, GUERRA: LEGGE DISCRIMINANDO GIUSTIFICA DISCRIMINAZIONE

foto La Presse

LA VICEMINISTRA CON DELEGA ALLE PARI OPPORTUNITÀ SULLA SENTENZA USA

(Public Policy) - Roma, 27 giu - "L'insegnamento più
importante che ci viene dalla sentenza della Corte Suprema
degli Stati Uniti è che il non riconoscere alle coppie
omosessuali gli stessi diritti che si riconoscono a quelle
eterosessuali costituisce una violazione del principio
costituzionale di uguaglianza dei diritti e delle libertà".

Lo dichiara in una nota la vice ministra al Lavoro con
delega alle pari opportunità Maria Cecilia Guerra, dopo
l'uscita della sentenza della Corte Suprema di Washington
sulle nozze gay:  "Si tratta di un enorme passo avanti verso il
riconoscimento delle pari opportunità - aggiunge -, è una
sentenza storica perché ci aiuta a capire che non potremo
mai superare le disuguaglianze e l'omofobia che tanto peso
ancora hanno nelle nostre società fino a che è la legge
stessa che, discriminando, le giustifica". (Public Policy)
LAP

© Riproduzione riservata