Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

I numeri (ufficiali) del doping italiano: 55 positivi nel 2016

sport atletica 11 luglio 2016

ROMA (Public Policy) - Nel 2016 l'Ufficio procura antidoping ha perseguito 55 casi di positività, 44 dei quali a seguito di controlli disposti da Nado Italia e 11 dalla Commissione di vigilanza sul doping del ministero della Salute.

È quanto si legge in una memoria depositata in commissione Cultura alla Camera da Leonardo Gallitelli, responsabile di Nado Italia, la struttura antidoping del Coni.

Ma non sono gli unici numeri presentati alla Camera, dati che assumono ancora più interesse alla luce dell'affaire Alex Schwazer, sospeso dalla federazione internazionale di atletica leggera per un nuovo caso (il marciatore italiano era già stato trovato positivo nel 2013).

Il Comitato controlli antidoping ha disposto 3.849 controlli (rispetto agli oltre 6mila del 2015), dei quali 1.887 in competizione e 1.962 fuori.

Il Comitato per l'esenzione ai fini terapeutici, invece, ha definito 276 domande di esenzione, 216 concesse e 60 negate. E ancora, l'Ufficio procura antidoping ha verbalizzato 105 inadempienze (erano state 523 nel 2015) nei confronti di atleti che si sono resi responsabili di inosservanze relative alle informazioni sulla propria reperibilità.

Infine, il Tribunale nazionale antidoping ha incardinato 127 procedimenti disciplinari (erano stati 297 lo scorso anno), di cui 42 definiti. (Public Policy) FRA

© Riproduzione riservata