Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Il 'nuovo' reato di intermediazione illecita (leggi: caporalato)

caporalato 13 giugno 2016

ROMA (Public Policy) - Riscritto il reato di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, quindi il caporalato.

Si prevedono da uno a 5 anni di di reclusione e una multa da 500 a 1.000 euro per ciascun lavoratore sfruttato. Il reato si applica sia a chi recluta manodopera per destinarla al lavoro presso terzi in condizione di sfruttamento, approfittando dello stato di bisogno, sia a chi utilizza, assume o impiega manodopera, mediante l'attività di reclutamento, sottoponendo i lavoratori a condizioni di sfruttamento ed approfittando del loro stato di bisogno.

È quanto prevede un emendamento della relatrice al ddl Caporalato, Maria Grazia Gatti (Pd), presentato in commissione Agricoltura al Senato.

continua - in abbonamento

FRA

© Riproduzione riservata