Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Avremo un nuovo testo sul conflitto di interessi?

conflitto di interessi 06 ottobre 2016

di Fabio Napoli

ROMA (Public Policy) - Predisporre un nuovo testo unificato per la disciplina del conflitto di interessi che - rispetto alla proposta approvata dalla Camera a febbraio - riveda l'applicazione ai parlamentari puntando più sulla trasparenza ed estenda la normativa anche ai dirigenti della Pubblica amministrazione.

È questo l'obiettivo del senatore Pd Alessandro Maran, relatore della pdl sul conflitto di interessi, all'esame della commissione Affari costituzionali al Senato.

Maran ha spiegato a Public Policy che non verrà costituito un comitato ristretto ma che sarà lui a redigere il nuovo testo, sulla base anche "dell'orientamento dei vari gruppi per cercare di sminare il terreno, visto che in commissione quasi tutti hanno criticato il testo".

Sui tempi, il relatore ha detto invece che "sarà questione di settimane anche se - ha aggiunto - non è possibile ipotizzare una data anche perché praticamente dopodomani entriamo in campagna elettorale".

Il riferimento è al referendum costituzionale del 4 dicembre. Sul come sarà il nuovo testo unificato il relatore ha precisato che le norme uscite dalla Camera relative alle cariche di governo non verranno toccate.

Sull'applicazione ai parlamentari "le norme predisposte dalla Camera non trovano riscontro in nessuno degli ordinamenti europei ma la questione, se vogliamo, è anche filosofica perché è chiaro che le forze in campo in Parlamento rappresentino interessi diversi. La questione quindi è agire sulla disclosure e rendere trasparenti questi meccanismi".

continua - in abbonamento

@ShareTheRoadFab

© Riproduzione riservata