Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Riforma Pa, stretta sulle Camere: da 105 a 60 sedi

camere commercio 01 settembre 2015

ROMA (Public Policy) - Arriva la stretta sulle Camere di commercio: queste non avranno più una sede per ogni provincia italiana, ma opereranno "nelle circoscrizioni territoriali esistenti" con la presenza di almeno una sede "in ciascuna Regione".

È quanto prevede una bozza di decreto legislativo, atteso per il mese prossimo in Consiglio dei ministri e che Public Policy ha potuto visionare, che attua le norme sulla riforma del sistema camerale previste dal ddl delega P.a., a firma della ministra Marianna Madia.

Con il dlgs arriva quindi una stretta sulle sedi camerali che verranno ridotte nei prossimi mesi. La stessa bozza rimanda alle novità contenute nel ddl Madia che prevedono un taglio delle attuali 105 sedi (che passeranno a 60) mediante l'accorpamento di due o più Camere. L'accorpamento dovrà comunque tenere conto della soglia dimensionale minima delle sedi - imposta dal ddl delega - che corrisponde a 75mila imprese iscritte nel Registro. Per quanto riguarda la modifica delle circoscrizioni territoriali esistenti, la bozza di dlgs specifica che non potrà esserne modificato il "numero" e la necessità di mantenere "un sufficiente equilibrio economico finanziario per ciascuna delle camere interessate". (Public Policy) SOR

 

 

© Riproduzione riservata