Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

PARI OPPORTUNITÀ, CENTEMERO (PDL) AL GOVERNO: PARTITI RISPETTANO LA PARITÀ?

PARI OPPORTUNITÀ, CENTEMERO (PDL) AL GOVERNO: PARTITI RISPETTANO LA PARITÀ? 01 luglio 2013

PARI OPPORTUNITÀ, CENTEMERO (PDL) AL GOVERNO: PARTITI RISPETTANO LA PARITÀ?

(Public Policy) - Roma, 1 lug - La nuova legge sul
finanziamento pubblico ai partiti
è stata rispettata? I
partiti hanno rispettato l'equilibrio di genere? Lo chiede
in un'interrogazione in commissione Affari costituzionali
Elena Centemero, Pdl.

L'interrogazione è rivolta alla presidenza del Consiglio chiamata
a rispondere dell'applicazione della legge n. 96 del 2012 che
stabilisce all'articolo 9 comma 13 che "ai partiti e ai movimenti
politici che non abbiano destinato una quota pari almeno al
5% dei rimborsi elettorali
ricevuti ad iniziative volte ad
accrescere la partecipazione attiva delle donne alla
politica, ai sensi dell'articolo 3 della legge 3 giugno
1999, n. 157, è applicata la sanzione amministrativa
pecuniaria pari a un ventesimo dell'importo ad essi
complessivamente attribuito per l'anno in corso a titolo di
rimborso per le spese elettorali e di contributo per il
cofinanziamento di cui all'articolo 22.

Centemero chiede anche quali procedure si possano adottare
nell'applicazione della legge, "per riequilibrare l'accesso
alle candidature nelle elezioni, anche indicando quali
azioni si intendano avviare relativamente ai prossimi
appuntamenti elettorali, anche nazionali, e alle riforme
istituzionali". L'obiettivo ultimo è dare piena attuazione
all'articolo 51 della Costituzione che stabilisce che "tutti
i cittadini dell'uno e dell'altro sesso possono accedere
agli uffici pubblici e alle cariche elettive in condizioni
di eguaglianza. La Repubblica promuove con appositi
provvedimenti le pari opportunità tra uomini e donne".
(Public Policy)

LAP

© Riproduzione riservata