Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Parità genere, Renzi: no a diktat su legge elettorale

Donne 25 febbraio 2014

ROMA (Public Policy) - "Siamo il quinto governo dopo Cile, Svezia, Norvegia e Spagna a raggiungere l'obiettivo della parità di genere, ma non serve un diktat per affrontare l'argomento nella legge elettorale. Penso che il governo possa invece prendere un impegno serio, ovvero che le realtà delle aziende pubbliche debbano vedere anche nelle posizioni apicali la presenza di donne manager competenti indipendentemente dalle loro idee politiche".

Lo ha detto il premier Matteo Renzi, nel corso della sua replica in aula alla Camera, rivolgendosi in particolare alla deputata socialista Pia Locatelli, tra le maggiori sostenitrici della parità di genere nella nuova legge elettorale.

LA RISPOSTA DI PIA LOCATELLI
"Ho fatto un ragionamento logico in Aula: sei tu che fai un governo paritario, consideri che sia un valore, non puoi che adeguarti nella legge elettorale. Il mio non era un diktat". Commenta così la deputata Psi Pia Locatelli alle parole del premier Matteo Renzi durante il discorso in Aula che le ha risposto: "No a diktat sulla legge elettorale, non c'è il consenso".

"Sono sorpresa della sua reazione - continua Locatelli -. Questa legge elettorale non è coerente con l'impostazione del governo e perché lo sia non basta che il 50% dei candidati sia donna, bisogna che ci sia l'alternanza nelle liste, e che metà dei capilista siano donne". Aggiunge Locatelli: "Per proseguire sulla strada della parità, i numeri contano ma le politiche pesano, per questo serve una valutazione dell'impatto di genere nelle politiche e il primo impatto da valutare è quello della legge elettorale".

Non si arrende sulla possibilità di un accordo sulla legge elettorale: "Sono persone di partiti diversi ad aver firmato gli emendamenti (sulla parità; Ndr), il principio è condiviso, potrebbe esserci un accordo, non si avvantaggia una parte o l'altra, maggioranza od opposizione". (Public Policy)

GAV-LAP

© Riproduzione riservata