Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Parlamento, rimangono in 55 per uff.Bilancio: Canzio fuori, non sa l'inglese

bilancio 13 marzo 2014

ROMA (Public Policy) - Rimangono al momento 55 i soggetti in lizza per far parte dell'Ufficio parlamentare di bilancio (Udb). Il comitato interparlamentare per la costituzione dell'Udb ha giudicato inammissibili i curricula di Mario Canzio, Alessandra Sartore, Silvia Giannini, Lorenzo Codogno, inizialmente ammessi alla corsa per i vertici dell'organo che dovrebbe vagliare e vigilare sulle scelte di finanza pubblica del governo.

I nomi di Canzio, Sartore, Giannini e Codogno erano tra i 59 che avevano passato la prima scrematura del comitato ma, da quanto si apprende, oggi il comitato parlamentare (di cui fanno parte esponenti delle commissioni Bilancio di Camera e Senato) hanno rivisto i curricula e giudicato inammissibili altri quattro.

Da quanto rivela una fonte, l'ex ragioniere dello Stato Canzio è stato escluso perché non conosce l'inglese (requisito richiesto), Sartore perché assessore al Bilancio della Regione Lazio, Giannini perché vicesindaco con delega al Bilancio del Comune di Bologna, Codogno perché componente del consiglio di amministrazione di Enel.

I candidati in lizza quindi rimangono 55, a cui potrebbe aggiungersi qualche altro nome degli 11 ancora in bilico e su cui il comitato interparlamentare si è riservato di decidere nella prossima riunione. Quindi si dovrà giungere, con una votazione a maggioranza di almeno 2/3, alla creazione di una lista di 10 candidati, tra cui i presidenti di Camera e Senato dovranno scegliere i tre esponenti che andranno a formare l'Ufficio parlamentare di bilancio.

Tra i nomi ancora in lizza ci sono: Giuseppe Pisauro, Gianfranco Polillo (ex sottosegretario al Mef con Monti), Paolo De Ioanna, Vieri Ceriani, già sottosegretario e consigliere del ministro dell'Economia, Chiara Goretti, collaboratrice del commissario alla Spending review Carlo Cottarelli, Mario Baldassarri, ex viceministro nel secondo e terzo governo Berlusconi, l'economista ed ex moglie di Tommaso Padoa Schioppa, Fiorella Kostoris.

E ancora: Guido Rey, Enrico Deidda, Cesare Imbriani, Giancarlo Morcaldo, Alberto Zanardi, Pietro Giorgio Gawronski, Nicola Dimistri, Marcello Degni, Marco Cangiano, Cesare Imbriani, Francesco Massicci, capo dell'Ispettorato per la spesa sociale della Ragioneria dello Stato, Paolo Savona, ex ministro dell'Industria, ex direttore generale di Confindustria e ex presidente della Banca di Roma, Stefano Fantacone, Maria Teresa Salvemini, Mauro Visaggio, Alberto Zanardi, Francesco Zanetti, Vincenzo Zezza.

L'Ufficio parlamentare di bilancio potrà accedere a tutte le banche dati pubbliche per verificare le previsioni macroeconomiche e di finanza pubblica del governo ed effettuare verifiche sull'impatto macroeconomico dei principali provvedimenti legislativi. Produrrà inoltre l'analisi sulla sostenibilità dei saldi nel medio-lungo termine.(Public Policy)

VIC

© Riproduzione riservata