Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

PARTITI, MELONI (FDI): L'ITALIA (E LA DESTRA) DEVE RIPARTIRE DAL BASSO

13 giugno 2013

Presidio per l'estradizione di Cesare Battisti

 

foto - La Presse

(Public Policy) - Roma, 13 giu - "Per cambiare l'Italia si
deve partire dal basso. Noi, che venivamo da destra, questa
verità la conoscevamo. Radicare quelle idee nella società
avrebbe dovuto essere il nostro specifico lascito e invece è
stata proprio l'incapacità di incidere davvero il principale
errore di una intera classe dirigente in questi anni".

Giorgia Meloni, capogruppo alla Camera di Fratelli d'Italia,
partito di cui è fondatrice, riflette sull'identità e il
futuro della destra italiana, qualche giorno dopo il
risultato elettorale che ha visto la sconfitta dei
rappresentanti del centrodestra in tutte le città nelle
quali si è votato, e soprattutto a Roma.

Meloni sottolinea la necessità di un rinnovamento della
classe dirigente, più che dei 'valori storici' dell'area
politica, che a suo avviso sono sempre attuali. "Non è la
destra che è morta - osserva la capogruppo - Sono solo
tramontati quei colonnelli che hanno fatto finta di niente
mentre la destra annaspava nell'acqua alta, come quelli che
hanno preferito garantirsi una poltrona mentre tutti gli
altri venivano falcidiati, o quelli che oggi sono rimasti
disoccupati e s'interrogano sulla ricostruzione di Alleanza
Nazionale. Se costoro avessero avuto pietà per il destino
della destra avrebbero reagito in tempi più ragionevoli".

"Non significa che non si debba ragionare per rimettere
insieme un mondo". Secondo la fondatrice di Fratelli
d'Italia "spetta a un'altra generazione scrivere un nuovo
capitolo di storia della destra". (Public Policy)

SAF

 

© Riproduzione riservata