Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Il Pd (almeno alla Camera) è diviso sul cyberbullismo

pd 25 marzo 2016

di Francesco Ciaraffo

ROMA (Public Policy) - C'è un Pd che spinge per l'introduzione del reato di cyberbullismo e un altro che non vorrebbe appesantire il codice penale affrontando il fenomeno con la sensibilizzazione e l'educazione.

Le due visioni si stanno confrontando nelle commissioni Giustizia e Affari sociali alla Camera che stanno esaminando la pdl Cyberbullismo, già approvata al Senato.

Una situazione che potrebbe portare a un rallentamento dell'iter di approvazione. Una divisione che pare netta, almeno dagli emendamenti messi in campo.

Vediamo nel dettaglio le proposte di modifica avanzate dai dem.

NON SOLO CYBERBULLISMO
L'Affari sociali, con un emendamento a firma Ileana Piazzoni, sottoscritto dagli altri membri Pd della commissione, punta a intervenire sulla finalità della legge.

continua - in abbonamento

@fraciaraffo

© Riproduzione riservata