Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

PD, RENZI A REPUBBLICA: IL GOVERNO DURI IL MENO POSSIBILE E PARLI DI LAVORO

PARTITI, SWG: FIDUCIA IN RENZI CALA AL 46%, NAPOLITANO STABILE AL 47% 22 aprile 2013

QUIRINALE, RENZI: STRUMENTALI CANDIDATURE BASATE SU FEDE RELIGIOSA

Per approfondire:

PD, DALLA FUSIONE FREDDA ALLA ROTTAMAZIONE RENZIANA /FOCUS

PARTITI, DOPO LA CRISI PD SEL DECIDE COSA FARE DA GRANDE /FOCUS

PD, OGGI ALLE 17 LA DIREZIONE DEL PARTITO. CI SARÀ ANCHE RENZI
(Public Policy) - Roma, 23 apr - Anche il sindaco di Firenze
Matteo Renzi parteciperà alla direzione del Partito
democratico. La riunione è convocata per oggi alle 17.
All'ordine del giorno le dimissioni del segretario Pier
Luigi Bersani e gli sviluppi della situazione politica, in
vista della formazione del nuovo Governo.

RENZI A REPUBBLICA: IL GOVERNO DURI IL MENO POSSIBILE E PARLI DI LAVORO
(Public Policy) - Roma, 22 apr - "Il Pd dica che governo
vuole, si faccia avanti con le sue idee e le imponga al
nuovo governo. A partire dal tema del lavoro: nei primi
cento giorni di governo si semplifichi la normativa, si
proceda con gli sconti fiscali per i neo assunti". Parola
del sindaco di Firenze Matteo Renzi (Pd) in un'intervista a
Repubblica.

"Quando il Paese la smetterà di discutere di articolo 18 e
comincerà a discutere dei 450mila nuovi disoccupati, allora
tutto si potrà risolvere", aggiunge Renzi, che per quanto
riguarda i costi della politica parla di "taglio netto", ma
"ai posti": "Via il finanziamento pubblico dei partiti e
trasparenza nelle spese", anche della Pubblica
amministrazione.

Secondo il sindaco 'rottamatore' il nuovo Esecutivo (con o
dentro il Pdl, non gli interessa la questione) dovrà durare
"il meno possibile". Il nuovo premier? "Dovrà appartenere al
nostro mondo, dovrà essere una persona stimata e che gode di
consenso: poi potrà essere uno d'area centrosinistra, un
tecnico o un politico".

Per Renzi bisogna "rendere più smart l'Italia", ad esempio
pensando alla "vendita degli immobili dello Stato". Per
quanto riguarda la corsa alla segreteria, il sindaco di
Firenze precisa: "Io ci sono e ci resterò (nel Pd; Ndr) con
Fassina e con Orfini, voglio un partito che coinvolga le
persone e le speranza ideali [...] Su questo anche Barca ben
venga", anche se Renzi ammette di "non aver capito" il
progetto del ministro per la Coesione territoriale.

Su Vendola: "Lui è fuori. Apra il cantiere a sinistra. Una
formazione alla mia sinistra non mi fa paura. Noi siamo il
Partito democratico di Obama, di Hollande, di Clinton [...]
un partito riformista e non massimalista. Poi ho mandato un
sms a Nichi: teniamoci in contatto". Sulle bocciature di
Franco Marini e Romano Prodi: "Marini sarebbe stato un passo
indietro", mentre "il killeraggio di Prodi è venuto da parte
degli ex popolari e degli ex Ds".

Renzi precisa poi di essere "per il sindaco d'Italia", e
alla domanda se con questo intenda l'elezione diretta del
capo dello Stato risponde: "Perchè no?". E per quanto
riguarda la legge elettorale aggiunge: "Io adotterei anche
in questo caso il sistema dei sindaci (sistema
maggioritario: chi ottiene oltre il 50% dei voti risulta
subito eletto; Ndr). Si sa chi vince, funziona". (Public
Policy)

D'ALEMA: PRODI "AFFOSSATO"? COLPA DI CHI LO HA CANDIDATO
(Public Policy) - Roma, 22 apr - Massimo D'Alema respinge
ogni accusa: nessuna regia dietro l'affossamento di Romano
Prodi nelle elezioni per il Colle più alto. La colpa semmai
- afferma l'esponente pd in una intervista che andrà in onda
stasera a Piazzapulita su La7 - è "di chi lo ha candidato
in modo francamente assurdo".

Per D'Alema chi lo dice "è un calunniatore, io lo
denuncerò". Insomma per il presidente uscente del Copasir
queste illazioni sono "una vergogna, una vergogna
autentica". Quindi aggiunge: "Si cercano capri espiatori,
per errori politici che sono stati compiuti, in persone che
non c'entrano nulla". Nell'anticipazione dell'intervista,
sull'ipotesi scissione nel Partito democratico, D'Alema è
invece tranchant: "Non credo ma non ne ho idea, io non
faccio parte né dei parlamentari del Pd né degli organismi
dirigenti del Pd".

CIVATI: CONFLUIRE IN SEL? IL CONTRARIO, SONO CANDIDATO ALLA GUIDA PD
(Public Policy) - Roma, 22 apr - "Confluire in Sel? Il mio
progetto è esattamente il contrario: far diventare
protagonisti del Pd quelli che in questi giorni non lo sono
stati. Per questo, sei mesi fa mi sono candidato alla
segreteria. Chiaro?".

Risponde così con un post nel suo blog Pippo Civati, Pd,
alle voci circolate nelle ultime ore su un suo possibile
spostamento nelle fila di Sinistra ecologia libertà.

PD, VERINI: PARTITO DILANIATO DA CORRENTI, O SI CAMBIA O SI MUORE
(Public Policy) - Roma, 22 apr - "I franchi tiratori, regia
o non regia, sono stati dei mascalzoni, perché queste cose
non si fanno". Così Valter Verini, deputato del Pd vicino a
Walter Veltroni, risponde a chi gli chiede alla Camera un
commento sulle dichiarazioni di Massimo D'Alema, "nessuna
regia" sull'affossamento di Romano Prodi sul Colle più alto.

"Io ero contrario a Franco Marini, pur stimandolo per la
sua storia e per il suo ruolo ma ho votato come detto
pubblicamente", spiega Verini che poi aggiunge: "Ma fare i
franchi su una personalità come Prodi, che è il nostro punto
di riferimento morale e padre dell'Ulivo insieme a Veltroni,
è stata una mascalzonata".

Come detto anche da D'Alema, "certamente ci sono stati
errori nella gestione - ammette Verini - ma queste vicende
che sono enormi noi le vediamo in piccolo tutti i giorni, in
giro per l'Italia, perché il Pd è spesso dilaniato da guerre
correntizie, anche per scegliere un assessore, non ci
saranno franchi tiratori ma lo stile è lo stesso".
Infine il deputato umbro avverte: "O rompiamo questo, di
cui la vicenda drammatica di Prodi è stata l'ultimo
deflagrante anello, o il Pd rischia di morire davvero".

Sul governo che verrà Verini pragmatico: "Abbiamo chiesto
un enorme sacrificio a Giorgio Napolitano con il bis, la
cosa più importante ora è che si faccia un governo sul
serio, per il bene del Paese, rinunciando a posizioni di
partito, altrimenti salta tutto. Ci affidiamo al capo dello
Stato". (Public Policy)

GAV-FEG-VIC-SOR

© Riproduzione riservata