Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

PD, RENZI: DICENDO "SBRIGATEVI" HO DATO VOCE A MAGGIORANZA ITALIANI

PD, IN ATTESA DELLA RIUNIONE DELLE 13 TWITTER SI DIVERTE CON #ILPDSISPACCA 05 aprile 2013

Conferenza stampa Matteo Renzi dopo risultati primarie PD

(Public Policy) - Roma, 5 apr - "Dare segnali di svolta si
può, ma bisogna che chi sta a Roma (io sono a Firenze,
faccio il sindaco) venga messo nelle condizioni di farlo".
Il sindaco di Firenze Matteo Renzi torna a parlare oggi a
Radio 105, ripetendo le cose dette al Corriere e al suo
intervento di mercoledì a Firenze. Tra i segnali che la
politica potrebbe dare dice, c'è l'abolizione dei rimborsi
elettorali, un tema, ricorda, su cui c'è già stato
referendum "già votato dagli italiani".

TAGLIARE I COSTI DEL PARLAMENTO? MEGLIO ABOLIRE IL SENATO
Renzi apprezza il lavoro di 'spending review' intrapreso
dalla presidente della Camera Laura Boldrini, "se riesce a
far lavorare sodo la macchina di Montecitorio, dice Renzi,
va benissimo. Ma c'è una proposta semplice, e cioè quella di
'abolire il Senato', e trasformarlo in camera delle
autonomie".

UN NUOVO PARTITO? CE NE SONO GIÀ TROPPI
"Secondo me di partiti ce ne sono troppi: se sentite un
politico parlare di fondare un partito, dovete prendere
paura", dice ancora Renzi a Radio 105, rispondendo alla
domanda di un ascoltatore che gli proponeva di creare una
nuova forza politica, insieme al sindaco di Verona Flavio
Tosi. E poi, tornando sul commento di ieri sulla 'perdita di
tempo', Renzi ribadisce: "Quello che ho detto in questi
giorni non è 'aprire una polemica col Pd', ho detto solo
quello che pensa la maggioranza degli italiani, e che lì
dentro nessuno ha il coraggio di dire: ragazzi sbrigatevi".

I RAGAZZI DI 'AMICI' NON SONO MENO ITALIANI
DEI 'RADICAL CHIC' CHE LI CRITICANO
Renzi torna anche sul suo discusso intervento alla
trasmissione 'Amici'. "La polemica ideologica che c'è stata
su 'Amici' io non la capisco", spiega. "Deriva dal fatto che
alcuni dei nostri non vogliono cambiare l'Italia, ma
cambiare il carattere degli italiani. Come se gli italiani
che seguono amici fossero un po' meno italiani dei radical
chic che li contestano". (Public Policy)

LEP

© Riproduzione riservata