Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Pdl Lettura, cosa c'è nel testo base adottato in commissione Cultura

libri 13 luglio 2015

ROMA (Public Policy) - di Fabio Napoli - Agevolazioni per le librerie indipendenti; un Piano nazionale per la promozione della lettura; detraibilità delle spese per l'acquisto di libro; misure a favore delle biblioteche e della digitalizzazione del patrimonio librario e archivistico.

Sono alcuni dei punti contenuti nella proposta di legge "per la diffusione del libro su qualsiasi supporto e per la promozione della lettura" all'esame della commissione Cultura della Camera.

Dopo oltre un anno dall'inizio dell'iter legislativo la commissione Cultura ha infatti adottato all'unanimità un testo base frutto del lavoro di un comitato ristretto, che ha sintetizzato un unico testo due proposte, una del Pd e una di Sel.

"Un testo che di fatto vuole essere una legge quadro di riferimento per l'intero settore - ha spiegato la relatrice Flavia Nardelli (Pd) a Public Policy - Una proposta che tocca diversi punti ma che vede nel Centro per il libro e la lettura e nella rete delle biblioteche pubbliche italiane le sue colonne portanti".

Per ora la proposta stanzia 20 milioni per il 2015 e 50 milioni a partire dal 2016 "ma quelle presenti nel testo adottato dalla commissione sono per ora delle indicazioni - ha spiegato Nardelli - perché adesso sarà necessaria una verifica con il ministero dei Beni culturali e la commissione Bilancio".

La VII commissione di Montecitorio adesso dovrà fissare il termine per la presentazione degli emendamenti per poi entrare nel vivo della discussione a partire da settembre.

continua - in abbonamento

© Riproduzione riservata