Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

PENSIONI SCUOLA, PLATEA E COPERTURE PER LA QUOTA 96

scuola 18 luglio 2013

QUOTA 96, IN ARRIVO TESTO UNICO

IL TESTO UNICO LICENZIATO DALLA COMMISSIONE LAVORO ALLA CAMERA

(Public Policy) - Roma, 18 lug - C'è voluto un anno per
arrivare fin qui: a un testo licenziato dalla commissione
Lavoro della Camera per salvaguardare i lavoratori della
scuola, che hanno maturato i requisiti entro il primo
settembre 2012. La prima proposta, a firma Manuela Ghizzoni,
Pd, era stata presentata a giugno dello scorso anno.

LA PLATEA
La platea individuata dalla proposta, unione di una a prima
firma di Ghizzoni (Pd) e l'altra Marzana (M5s) è di 6 mila
docenti, in base ai dati forniti dall'Inps (9 mila) e il
calcolo del Miur (3.500), ponderato sulla base delle serie
storiche fornite dal ministero dell'Istruzione sugli
effettivi pensionamenti.

Il testo, licenziato dalla commissione Lavoro, introduce
all'articolo 24 del Salva Italia una nuova eccezione per gli
esodati, che riguarda i lavoratori della scuola che potranno
(se la proposta sarà approvata da Camera e Senato) andare in
pensione con le regole pre-riforma Fornero se maturano i requisiti
"entro l'anno 2011/2012".

La legge Fornero, infatti, sostiene la proposta, non ha
modificato l'articolo 59 della legge 449 del 1997 che dice
che gli insegnanti e gli altri lavoratori della scuola
maturano la pensione il primo di settembre di ogni anno,
l'anno non è solare, come per gli altri, ma scolastico.

LE COPERTURE
Insieme al nodo platea numerica la commissione Lavoro, in
particolare la relatrice dei provvedimenti, Antonella
Incerti (Pd), ha dovuto sciogliere quello delle coperture
finanziarie al provvedimento. Rimane la copertura
inizialmente ipotizzata, prima che si aprisse il dibattito
tra Inps e Miur sui numeri.

Il testo unico all'articolo 2 prevede: "A decorrere dal
primo settembre 2013, con decreto del ministro dell'Economia
e delle finanze sono aumentate le aliquote relative alla
birra, ai prodotti alcolici intermedi e all'alcol etilico
previste dall'allegato I del Testo unico delle disposizioni
legislative concernenti le imposte sulla produzione e sui
consumi e relative sanzioni penali e amministrative di cui
al decreto legislativo 26 ottobre 1995 n. 504". La spesa che
si prevede è 41 milioni di euro per quest'anno e 160 a
partire dal prossimo.

Ma la commissione Bilancio potrebbe suggerire una diversa
copertura, per esempio la Tobin tax, allo studio come
"copertura generale" anche per altri provvedimenti.(Public
Policy)

LAP

© Riproduzione riservata