Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

PMI, IL MISE AGGIORNA IL FONDO INTERNAZIONALIZZAZIONE IMPRESE

lavoro 14 maggio 2013

PMI, IL MISE AGGIORNA IL FONDO INTERNAZIONALIZZAZIONE IMPRESE

(Public Policy) - Roma, 14 mag - Il ministero dello Sviluppo
economico ha aggiornato il fondo 394/91 per
l'internazionalizzazione delle Piccole e medie imprese nei
Paese extra Ue. È quanto si legge sul sito del Mise.

Tra le innovazioni di maggior rilievo si segnalano, in
particolare: destinazione alle Piccole e medie imprese (Pmi)
di una riserva di risorse pari al 70% annuo; ampliamento dei
beneficiari: possono eccedere al finanziamento anche le
aggregazioni di imprese; riduzione delle garanzie da
prestare per le Pmi in possesso di determinati requisiti e
introduzione di un nuovo strumento di marketing.
Le nuove circolari operative saranno disponibili entro il
10 giugno.

Le novità sono state introdotte dal decreto ministeriale
del 21 dicembre 2012 ("Modifica ed integrazione degli
interventi per l'internazionalizzazione a valere sul Fondo
n. 394/81"), pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 85
dell'11 aprile 2013.

Secondo quanto prevede il decreto, sono ammesse ai
finanziamenti del Fondo rotativo le iniziative per
programmi di inserimento nei mercati extra Ue per il lancio
e diffusione di nuovi prodotti e servizi, acquisizione di
nuovi mercati per prodotti e servizi, apertura di strutture
volte ad assicurare la presenza stabile nei mercati; per
studi di pre-fattibilità e fattibilità collegati a
investimenti italiani nei Paesi extra Ue; interventi per il
miglioramento e la salvaguardia della loro solidità
patrimoniale al fine di accrescere la competitività sui
mercati esteri; iniziative promozionali per partecipare a
fiere e mostre sui mercati extra Ue (marketing e/o
promozione del marchio italiano).

Possono beneficiare dell'intervento del Fondo tutte le
imprese italiane aventi sede legale in Italia in forma
singola o aggregata, comprese quelle a partecipazione
giovanile e femminile.

L'intervento non potrà superare i 100 mila euro per la
singola impresa fino a un massimo di 300 mila euro per
aggregazioni d'impresa. (Public Policy)

SAF

© Riproduzione riservata