Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

POLITICA, DONADI E FORMISANO LASCIANO L'ITALIA DEI VALORI

08 novembre 2012

(Public Policy) - Roma, 8 nov - "Dopo una notte di
riflessione, ho deciso di rassegnare le dimissioni dal
gruppo e dal partito". Lo ha detto nel corso di una
conferenza stampa alla Camera l'ex capogruppo Idv Massimo
Donadi. Con lui anche il deputato Nello Formisano, che è
anche segretario regionale campano del partito guidato da
Antonio Di Pietro.

L'ex pm ha portato, secondo i due fuoriusciti, ad un
"progressivo tradimento e snaturamento della natura
dell'Idv: del radicalismo riformista di cui questo Paese ha
bisogno, è rimasto solo un radicalismo arrabbiato e spesso
ideologico. Ma la mia - ha aggiunto Donadi - non è una resa
di fronte alla voglia di fare politica, io e Formisano siamo
aperti al dialogo con tutto il centrosinistra moderato".

"Voterò - ha detto ancora Donadi - e darò indicazione alla
persone che lavoreranno con me al nuovo soggetto di votare
per Pier Luigi Bersani alle primarie del centrosinistra: ha
il profilo giusto per il centrosinistra di oggi, un profilo
federatore e riunificatore. È evidente che il giorno dopo
apriremo il confronto con il vincitore delle primarie".

Le prime avvisaglie di questa miniscissione erano arrivate
dopo una delle ultime puntate di Report, la trasmissione
condotta da Milena Gabanelli su Rai3, dove era andata in
onda un'inchiesta sulla gestione dei finanziamenti
elettorali da parte dei tesorieri dei partiti. Una parte del
servizio riguardava proprio la gestione dei fondi
dell'Italia dei valori.

"Il Di Pietro che ho visto nell'intervista a 'Report' -
aveva detto allora Donadi - non corrisponde all'immagine
della persona con cui ho lavorato fianco a fianco per 15
anni. Sono quindi convinto che chiarirà quanto gli è stato
contestato. Ora, però, occorre un rinnovamento profondo".

LA RISPOSTA DELL'EX PM
Il leader Idv aveva risposto (non a Donadi, ma a Report e
alle critiche ricevute) sul suo profilo Twitter. "Carta
canta, niente di nuovo, tutto documentato", aveva scritto
l'ex ministro, rimandando alla pagina http://urlin.it/3675e
per una risposta dettagliata a ciò che gli veniva
contestato.(Public Policy)

GAV

© Riproduzione riservata