Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

POLITICHE 2013, ALFANO (PDL): INTESA PD-MONTI, PATTO SCELLERATO

10 gennaio 2013

(Public Policy) - Roma, 10 gen - Il segretario del Pdl
Angelino Alfano attacca sulle pagine di Avvenire il leader
Pd Pier Luigi Bersani, che secondo lui si sarebbe già
alleato con Mario Monti: "Vogliono solo allearsi.

Denunceremo agli italiani il patto scellerato. La sinistra
concederà molto alla politica economica del Professore e, in
cambio, Monti e la sua coalizione si piegheranno all'agenda
zapaterista che proverà ad imporre Vendola. Sarebbe una
beffa, un'assurda beffa".

"Non staremo a guardare - ha aggiunto - non sarebbe nemmeno
giusto per chi ci ha votato. Chiederemo a chi non vuole
consegnare il Paese a Bersani, Vendola e Cgil di reagire. Lo
farà chi ha a cuore il rilancio dell'economia e lo farà chi
non accetta che i valori vengano ridotti a merce di scambio".

IL MATRIMONIO È FRA UOMO E DONNA
Per quanto riguarda le unioni omosessuali il segretario Pdl
ha detto: "Possiamo ampliare le tutele nei rapporti di
coppia senza smontare il codice civile, la Costituzione e
soprattutto il diritto naturale". Secondo Alfano la famiglia
è una sola e cioè quella fondata sul matrimonio tra un uomo
e una donna: "Per noi sarà sempre e solo così. L'agenda e le
idee di Vendola credo, invece, siano differenti".

IO PUNTO A VINCERE
"Io punto a vincere - ha detto Alfano - io non voglio
pensare al dopo: sono con la testa immersa nella campagna
elettorale, sui nostri programmi, sui nostri valori, sulla
nostra visione di Paese. Gli italiani chiedono linearità e
la mia posizione è netta: le alleanze per il futuro passano
solo dal voto degli italiani".

MONTI SI CANDIDA SOLO PER GOVERNARE CON BERSANI
"Io mi impegno in una campagna elettorale - ha aggiunto -
dove c'è chi prefigura inciuci per il dopo e chi costruisce
un piano trasparente per l'Italia". Monti, per Alfano, si
candida solo con l'obiettivo di governare con Bersani o
trasformarsi in "ruota di scorta" se l'alleanza tra Pd e Sel
non tenga. "Noi scegliamo la trasparenza. Lavoriamo a un
programma fiscale dettagliato per rilanciare l'economia, far
respirare imprese e famiglie".

BERLUSCONI È UN MAESTRO DELLE RIMONTE
Il segretario Pdl sostiene che l'elettorato alternativo
della sinistra si sta disperdendo e che per febbraio i voti
torneranno. "Berlusconi è un maestro delle rimonte e l'area
che si è consolidata attorno a Monti e a Casini non
convincerà mai chi ha votato per noi. Chi è rimasto deluso e
si è rifugiato nell'astensione tornerà a votare Pdl".

IL PDL È SOPRA IL 30%
Alfano ha fatto riferimento ai sondaggi di Alessandra
Ghisleri che darebbero il Pdl "significativamente" sopra il
30% e la sinistra "significativamente" sotto il 40%. "Siamo
separati da pochi punti e la tendenza è a crescere. Nel 2006
non ci credevano in tanti e poi siamo arrivati a un passo da
un clamoroso successo".

NESSUN PROBLEMA TRA SUD E LEGA
"Con la Lega stiamo scrivendo un patto equilibrato - ha
fatto poi presente Alfano - che non crei nessuna
discriminazione territoriale e che sia capace di esaltare le
differenze. Il Sud ha capito, in Campania e in Sicilia siamo
già avanti". "Con Maroni - ha concluso - ho sempre avuto
sintonia. Io ministro della Giustizia e lui dell'Interno
abbiamo lavorato insieme. Siamo pronti a farlo ancora".
(Public Policy)

DAP

 

© Riproduzione riservata