Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

POLITICHE 2013, CAMPBELL: BLAIR COME BERLUSCONI? PER GLI INGLESI INCONCEPIBILE

11 dicembre 2012

(Public Policy) - Roma, 11 dic - Alastair Campbell,
giornalista inglese, capo ufficio stampa di Tony Blair
quando il leader laburista abitava a Downing Street, vede
nella situazione politica italiana "molta confusione".
Intervistato dal quotidiano La Stampa, Campbell ha
commentato le dimissioni annunciate di Mario Monti e il
ritorno di Silvio Berlusconi.

"Credo che gli italiani abbiano apprezzato il lavoro di
Monti, ma c'è bisogno di politica, un Paese come l'Italia
non può stare a lungo senza un governo eletto". Sul Monti
bis, Campbell ha detto: "La forza che ha come tecnocrate è
ciò di cui l'Italia ha avuto bisogno finora. Altra cosa è
stabilire se sia in grado di trasformare la sua esperienza
in proposta politica. La risposta è nelle sue mani".

Un ritorno di Blair in Inghilterra, come quello annunciato
da Berlusconi, "lascerebbe la gente stupefatta, in Italia
evidentemente no", ha commentato il giornalista inglese.
"Nel 1994, durante un viaggio in Italia - ha aggiunto -
ricordo di aver letto sui giornali che entrava in politica
'per salvare il Paese'. A distanza di vent'anni leggo le
stesse cose".

A Bersani consiglio "di essere onesto - ha aggiunto -
lineare, realistico. E cerchi voti al centro. Se ne guardi
dal dire: 'votatemi e risolverò i problemi del mondo'. Il
messaggio dev'essere quello di Obama agli americani: 'siamo
in tempi difficili, l'economia è la priorità, cercheremo di
fare il possibile per migliorare le cose". (Public Policy)

SOR

© Riproduzione riservata