Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

POLITICHE 2013, GLI AMBIENTALISTI CHIEDONO SPAZIO NEL LISTINO BERSANI

03 gennaio 2013

(Public Policy) - Roma, 3 gen - Una galassia di associazioni
della società civile scrive al segretario nazionale del Pd
Pier Luigi Bersani per chiedere che vengano confermati nella
prossima legislatura i parlamentari uscenti Roberto Della
Seta, Francesco Ferrante ed Ermete Realacci.

Il segretario Pd è infatti impegnato a scegliere i
candidati che non hanno partecipato alle primarie per il
Parlamento e a cui sono riservati un centinaio di posti
nelle liste di Camera e Senato.

"Serve confermare la rappresentanza ambientalista e
allargarla, per uscire dalla crisi e dare un futuro al Paese
puntando su una politica a sostegno della green economy"
scrivono il presidente di Legambiente Vittorio Cogliati
Dezza, il presidente dell'Arci Paolo Beni, di Federparchi
Giampiero Sammuri, dell'Aiab Alessandro Triantafylliti,
dell'Ispra Bernardo De Bernardini e Osvaldo Veneziano di
Arcicaccia. La lettere è firmata anche da Cittadinanzattiva
dal movimento Difesa dei Cittadini, dalla Fondazione per lo
sviluppo sostenibile Edo Ronchi, dal Consiglio nazionale
degli Architetti e paesaggisti e dal giornalista Giovanni
Valentini.

I firmatari riconoscono il buon lavoro svolto dai
parlamentari a rischio di non ricandidatura e chiedono un
maggior ruolo della green economy in un eventuale governo a
guida Pd: "La crescita impetuosa ed entusiasmante della
green economy, come hanno testimoniato i recenti Stati
Generali tenuti a Rimini - si legge nella lettera- trova una
straordinaria occasione di sviluppo proprio nel tessuto
imprenditoriale del nostro Paese, da sempre attento a
coniugare innovazione tecnologica e attenzione per
l'ambiente, per i diritti dei lavoratori, per il contesto
territoriale e sociale".

Ma per diffondere l'economia verde servono persone capaci,
continua la lettera "per questo ci sembra difficile che il
prossimo Parlamento possa fare a meno del contributo di
figure come Roberto Della Seta, Francesco Ferrante, Ermete
Realacci, che con coerenza e competenza in questi anni hanno
operato per limitare i danni prima, per sostenere il nuovo
sviluppo poi".(Public Policy)

LAP

© Riproduzione riservata