Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

POLITICHE 2013, L'AGENDA MONTI PER IL SUD: DAI FONDI UE ALLA RIDUZIONE IRAP

01 febbraio 2013

(Public Policy) - Roma, 1 feb - Drastica riduzione della
pressione fiscale, Fondi strutturali europei, rilancio di
export e turismo, trasparenza della Pa, Youth guarantee e
Fondo opportunità giovani: questi i punti principali
dell'Agenda Monti per il Mezzogiorno.

PRESSIONE FISCALE
Il programma prevede un piano di progressiva ma drastica
riduzione dell'Irap, a partire dalle imprese medio-piccole e
dando priorità alle imprese del Sud. Con questa riduzione
tutte le aziende nazionali pagheranno, secondo il programma,
"11,5 miliardi di euro in meno di Irap al termine della
legislatura". Le imprese del Sud, per Monti, saranno "tra le
prime a potersi giovare di questo dimezzamento".
Sempre sul fronte dei tributi, l'Agenda Monti intende
ridurre il cuneo fiscale e contributivo sui rapporti di
lavoro con persone di età fino ai 29 anni.

EXPORT E TURISMO
Monti intende rafforzare le misure di supporto all'export
con l'istituzione di una Export Bank. Una delle funzioni di
questa banca sarà aiutare le imprese del Sud che esportano i
loro prodotti e effettuano investimenti all'estero.

All'interno dell'Export Bank verrà istituita una "speciale
linea di credito Sud" che supporti con risorse e servizi
finanziari le imprese del Mezzogiorno che
internazionalizzino le loro attività.

Inoltre, il programma prevede di incentivare la creazione di
fondi di credito di medio-lungo termine e fondi di private
equity, a supporto degli investimenti e dell'espansione
delle imprese del Sud strozzate dal credit crunch (calo
dell'offerta di credito; Ndr).

In particolare, propone l'estensione del mandato del Fondo
italiano di investimento perché possa creare fondi di
credito e di private equity: "Queste partnership virtuose
tra pubblico e privato saranno funzionali a supportare anche
piccole e medie imprese del Sud che operino nel settore
turistico". Infine, sempre per il turismo, il programma
intende anche dare attuazione al Piano strategico del
Turismo approvato dal Governo.

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E LOTTA ALLA CORRUZIONE
L'Agenda Monti propone il rafforzamento delle banche dati
sui beni confiscati e sequestrati. Propone, inoltre, codici
di condotta e norme più severe per la trasparenza dello
status finanziario dei funzionari della Pa che potrebbero
avere conflitti di interesse.

FONDO OPPORTUNITÀ GIOVANI
Il Fondo opportunità giovani, secondo il programma,
supporterà il 40% dei giovani del Sud. Sarà finanziato con
risorse erogate dallo Stato a partire "dal primo anno delle
scuole medie e le somme versate terranno conto del reddito
della famiglia e dei risultati scolastici dei giovani".

La dotazione diverrà disponibile al 18° anno di età. Inoltre, il
Fondo - nelle intenzioni di Monti - coprirà, almeno in
parte, i costi di formazione, o istruzione universitaria, o
per mettere su piccole attività economiche, per le famiglie
con reddito medio-basso.

PROGRAMMA "YOUTH GUARANTEE" DELL'UE
L'Agenda Monti prevede, per i giovani che escono da un
ciclo scolastico e non trovano un'occasione di lavoro entro
il termine massimo di un certo numero di mesi, "un servizio
di orientamento scolastico e professionale; una opportunità
di apprendistato o di addestramento; un'opportunità di
assistenza per avviare un'attività di lavoro autonomo o
un'impresa".

Per questo scopo "verranno reclutate figure professionali
(promotori di opportunità) per i giovani, da inserire nei
centri per l'impiego, nelle scuole, nelle università".
Inoltre, verranno messe in rete tra di loro le banche dati
delle Università e dei loro Consorzi (come AlmaLaurea)
contenenti i curriculum dei laureati nelle differenti
discipline.

FONDI STRUTTURALI EUROPEI
Il programma propone di spendere integralmente le risorse
comunitarie assegnate all'Italia. Attraverso il ministero
della Coesione si stanno riprogrammando i fondi Pon
(Programmi operativi nazionali) per facilitare l'inserimento
lavorativo dei giovani e, nello stesso tempo, sostenere lo
sviluppo delle filiere produttive del territorio. (Public
Policy)

DAP

© Riproduzione riservata