Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Prescrizione, a che punto sono i lavori al Senato

prescrizione 31 agosto 2016

ROMA (Public Policy) - Aumento della metà dei tempi di prescrizione attualmente previsti per i reati di corruzione, quelli previsti dagli articoli 318, 319 e 319 ter del Codice penale. Il fermo lancette potrà durare per quindici anni a cui si aggiungono i tre anni di sospensione in appello e Cassazione. È questo uno dei nodi principali che la maggioranza al Senato ha affrontato con l'esame del ddl Penale in commissione Giustizia.

Il testo è approdato in aula a inizio agosto e con la ripresa dei lavori, a settembre, tornerà all'ordine del giorno. Non è ancora chiaro quanto e come il testo cambierà, ma dalla prossima settimana governo e relatori (Felice Casson e Giuseppe Cucca del Pd) torneranno al lavoro sul provvedimento. Le norme sulle prescrizione - decise in precedenza alla Camera in un clima di tensione tra Pd e Area popolare - sono riapparse con la stesura del testo base preparato dai relatori. Durante l'esame del provvedimento una nuova intesa tra Pd e Ap ha portato alla modifica degli articoli 7, 8, 9, 10 e 11.

PER CORRUZIONE STOP FINO 18 ANNI - Stop fino a 18 anni per la prescrizione per chi viene condannato per corruzione (articolo 319 del codice penale). Secondo la nuova formulazione il fermo lancette sarà calcolato in questo modo: la prescrizione viene calcolata in base alla pena edittale massima (10 anni), a cui si aggiunge la metà (5 anni) e i 3 anni di sospensione necessari per celebrare i processi. Rispetto al testo della Camera, a firma Donatella Ferranti (Pd), viene modificato il riferimento normativo. Si passa dal 157 del codice penale al 161. In questo modo nell'aumento dei tempi di prescrizione vengono ricompresi anche gli atti interruttori.

TRE ANNI IN PIÙ PER PROCESSI - Tre anni in più per celebrare i processi. È questo, in estrema sintesi, una parte dell'accordo raggiunto al Senato in tema di prescrizione. Gli anni di "sospensione" della prescrizione rimangono tre, ma vengono rimodulati: lo stop sarà di un anno e mezzo tra il primo grado e l'appello (invece di due) e un anno e mezzo tra l'appello e la Cassazione (anziché uno).

CASI DI SOSPENSIONE - Oltre alle ipotesi già previste dal codice, la prescrizione sarà sospesa anche nel caso di rogatorie all'estero (6 mesi). Il testo Camera aggiungeva anche le perizie complesse (3 mesi) e istanze di ricusazione, ma sono state cancellate al Senato.

PRESCRIZIONE DIFFERITA PER MINORI - In linea con le convenzioni internazionali e gli ordinamenti europei, per i più gravi reati contro i minori (come violenza sessuale, stalking, prostituzione, pornografia) la prescrizione decorre dal compimento del diciottesimo anno di età della persona offesa, salvo che l'azione penale sia stata esercitata precedentemente.

ENTRATA IN VIGORE - Le nuove norme, dato che la prescrizione ha valore sostanziale, si applicano ai reati commessi dopo l'entrata in vigore della legge, che arriverà probabilmente all'inizio del nuovo anno. (Public Policy) SOR

© Riproduzione riservata