Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

La prima (non) riunione della commissione sulle banche

aula camera montecitorio 29 settembre 2017

ROMA (Public Policy) - Si è tenuta giovedì mattina una riunione dell'ufficio di presidenza della commissione d'inchiesta sulle banche sulla predisposizione del regolamento che verrà presentato in bicamerale la prossima settimana.

Secondo quanto si apprende, durante la riunione ci sarebbe stata solo una riflessione in merito al regolamento tra il presidente Pier Ferdinando Casini e i due vicepresidenti Mauro Maria Marino (Pd) e Renato Brunetta (FI).

LA REAZIONE M5S

“Vogliono farsi i fatti loro tenendo all’oscuro i cittadini. È evidente. Neanche il tempo di partire e già si capisce con quale stile i partiti condurranno i lavori della commissione di inchiesta sulle banche. Si è tenuta infatti la prima riunione dell’ufficio di presidenza, ma i capigruppo sono stati tenuti inopinatamente fuori. Dunque, il Movimento 5 stelle non ha potuto prenderne parte”. Così i membri 5 stelle della bicamerale appena insediatasi.

“Siamo la seconda forza in Parlamento e la prima di opposizione. Ma soprattutto l’unica che non ha a che fare con alcuno scandalo bancario. Se il buongiorno si vede dal mattino, è evidente che siamo di fronte a una inaccettabile conventio ad excludendum. La loro parola d’ordine è insabbiare”.

LA VERSIONE MARINO (PD)

"Oggi in commissione parlamentare d'inchiesta sulle banche non c'è stata una riunione formale dell'ufficio di presidenza, così come affermato dall'onorevole Ruocco del Movimento 5 stelle. In primis perché non sono ancora stati nominati tutti i capigruppo di commissione e poi perché non vi è stata alcuna convocazione formale". Questa la difesa, in una nota, del senatore Marino (Pd), presidente della commissione Finanze a Palazzo Madama.

"È avvenuto un incontro del presidente Casini con i vicepresidenti per confrontarsi in merito alla predisposizione di una bozza di regolamento da sottoporre già martedì prossimo all'esame della commissione. Si tratta di una semplice riunione - ha aggiunto Marino - organizzata con spirito di servizio per velocizzare i lavori della commissione ma che, ancora una volta, invece di essere apprezzata dalle opposizioni viene strumentalizzata a fine di lotta politica". (Public Policy) VIC 

© Riproduzione riservata