Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

PRIMARIE, IL PDL LE FARÀ SU MODELLO DI QUELLE STATUNITENSI

09 novembre 2012

(Public Policy) - Roma, 9 nov - Prima il freno a mano del
leader Silvio Berlusconi sulle primarie, poi il segretario
del partito Angelino Alfano che si oppone al leader di
sempre e chiede che la consultazione democratica sul
candidato premier si faccia. E così si faranno.

Al termine dell'ufficio di presidenza convocato a Roma, a
palazzo Grazioli, Berlusconi spiega: "Abbiamo deciso per le
primarie del Pdl e si è adottata una bozza di regolamento,
ad Alfano e ad altri quattro membri del partito il mandato
di perfezionarla". Ci saranno anche cinque garanti per le
primarie, che sono, continua Berlusconi, "un modo per
ricollegarsi con i nostri elettori e approvare non soltanto
i candidati che dovranno poi ridursi a uno come segretario e
nostro eventuale candidato alla presidenza del Consiglio se
dovessimo andare a votare con l'attuale sistema elettorale".

Ma non si sceglierà solo il candidato premier: "Nelle
convention - spiega il fondatore del Pdl - oltre alla scelta
dei candidati sarà inserita l'approvazione della carta dei
valori del Ppe, ci sarà il voto sul nuovo nome al movimento,
sulle tesi programmatiche, cioè quelle che saranno le nostre
proposte per risolvere i problemi dell'economia che sono
anche quelli della gente".

IL MODELLO STATUNITENSE
Il Pdl trova l'accordo su una consultazione su modello Usa,
proposta dai deputati Daniele Capezzone, portavoce del
partito, e Gregorio Fontana. La previsione è quindi di
convention territoriali su base provinciale, a partire da
dicembre, per eleggere tra gli altri i "grandi elettori", i
delegati che alla convention finale voteranno per il
candidato premier. Si inizia dalla Lombardia e dal Lazio il
16 dicembre. E si voterà anche per il candidato alla guida
della Regione, dopo le dimissioni di Roberto Formigoni.

BERLUSCONI: "MAI PENSATO A LISTA PERSONALE"
Non ci sarà nessun listino Berlusconi. Berlusconi ha
infatti chiarito: "Non l'ho mai pensata una mia lista
personale, mi è stata attribuita da certi media".(Public
Policy)

LAP

© Riproduzione riservata