Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

PRIMARIE, PERCENTUALI FERME ALLE 2 DI NOTTE. RENZI: METTERE ONLINE I VERBALI

26 novembre 2012

(Public Policy) - Roma, 26 nov - AGGIORNAMENTO:
I risultati delle primarie del centrosinistra arriveranno
nel pomeriggio.

Lo comunica in una nota il coordinamento nazionale:
"I verbali di scrutinio - si legge - saranno discussi e
approvati nelle prossime ore dai coordinamenti provinciali
alla presenza dei rappresentanti dei candidati.

I verbali provinciali così approvati verranno
inviati al coordinamento nazionale che li trasmetterà ai
garanti delle primarie per la proclamazione ufficiale".
"I dati fin qui utilizzati sono stati trasmessi, come da
procedura - si legge ancora - dagli uffici elettorali al
coordinamento nazionale delle primarie e rappresentano il
dato ufficioso. Ringraziamo tutti i volontari per il lavoro
svolto, compresi tutti i rappresentanti di lista per aver
favorito l'ordinato svolgimento della bellissima giornata di
ieri".

RENZI SU FACEBOOK: ONLINE I VERBALI

"I dati ufficiali ancora non ci sono: abbiamo chiesto che siano messi online tutti i
verbali (non i dati delle segreterie provinciali, ma i
verbali). Ad oggi la somma dei dati dei nostri
rappresentanti di lista ci consegna un dato che sfiora il
39%. Tre punti in più o in meno non sposta il senso di ciò
che è accaduto, ma è giusto fare chiarezza: ogni voto
conta". Lo scrive Matteo Renzi su Facebook, riferendosi al
ritardo e all'incertezza (non su chi andrà al ballottaggio,
ma con quale distanza) che regna sui numeri ufficiali delle
primarie del centrosinistra. Che ancora non ci sono.

Il conteggio si è fermato (almeno così si legge nel sito
ufficiale: www.risultati.primarieitaliabenecomune.it) alle
ore 2, 25 minuti e 50 secondi: 3992 seggi scrutinati su
9232, il 37%. Secondo quanto dichiarato da Lino Paganelli,
responsabile delle feste del Pd e membro del comitato Renzi,
il sistema di conteggio dei voti si è bloccato nella notte
ed è stato necessario aggregare i dati delle singole
province: da qui il blocco nella diffusione.

Nonostante i ritardi, Pier Luigi Bersani ha scritto su
Twitter: "Sono stracontento, perchè è stata una giornata
magnifica. Tantissima gente e un'organizzazione perfetta.
Ora non ci resta che guardare con fiducia al ballottaggio".

I RISULTATI 'UFFICIOSI'
Il segretario del Pd è in testa con il 44,33% (523.870);
segue il sindaco di Firenze, Matteo Renzi, fermo (finora) al
36,29% (428.755); terzo il leader di Sel, Nichi Vendola, al
15,21% (179.760); alle sue spalle l'unica candidata donna,
Laura Puppato, al 2.97% (35.099); ultimo l'assessore al
Bilancio del Comune di Milano, Bruno Tabacci, all'1,2%
(14.142).

Questi i numeri sul sito. Questa mattina, nel corso della
trasmissione Agorà (su Rai3) Nico Stumpo, coordinatore
nazionale delle primarie, ha dato cifre leggermente diverse:
"Hanno votato circa 3,1 milioni di cittadini. Bersani è al
44,9%, Renzi al 35,5%, Vendola al 15,6%, Puppato al 2,6% e
Tabacci all'1,4%".

IL BALLOTTAGGIO TRA RENZI E BERSANI
Si voterà, negli stessi seggi del primo turno, il 2
dicembre (8-20). Chi ha votato al primo turno dovrà portare
con sè il certificato. Chi non ha votato potrà fare
richiesta tra il 29 e il 30 novembre: basterà dichiarare di
essere stato impossibilitato a votare al primo turno (senza
prove). (Public Policy)

GAV

© Riproduzione riservata