Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Qualcuno si ricorda della proposta di legge sugli orari dei negozi?

negozi 25 novembre 2015

ROMA (Public Policy) - di Viola Contursi - Tornata nuovamente nel dimenticatoio al Senato, la proposta di legge sugli orari dei negozi, approvata dalla Camera a settembre dello scorso anno, rischia di essere archiviata definitivamente.

Sul testo infatti, già alla Camera ma in particolare nell'iniziale passaggio al Senato, sono emerse fratture all'interno della maggioranza, con Scelta civica e Ncd che si sono dette contrarie alla riforma, che di fatto supera le liberalizzazioni nel commercio volute da Mario Monti.

Inoltre, secondo quanto apprende Public Policy, sarebbe emersa una contrarietà sul testo da parte del ministero dello Sviluppo economico.

Il testo riassume le analoghe proposte presentate da M5s, Pd, Lega, FI e Ncd alla Camera. Viene previsto, in particolare, l'obbligo di chiusura dei negozi per almeno sei giorni fissi l'anno (12, derogabili di sei), multe (salate) per chi non rispetta l'obbligo, possibilità per i sindaci di limitare l'apertura dei locali nei luoghi della movida, ma con ordinanze che hanno valenza di tre mesi.

E ancora: possibilità per le Regioni di istituire un Osservatorio sull'orario dei negozi e istituzione di un fondo di 90 milioni di euro dal 2015 al 2020 per aiutare le microimprese, anche per le spese legate all'obbligo di dotarsi del Pos per il pagamento con la moneta elettronica.

continua - in abbonamento

@VioC

© Riproduzione riservata