Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Le proposte su sicurezza e polizia locale, a Montecitorio

jobs act controllo distanza 31 maggio 2016

di Luca Iacovacci

ROMA (Public Policy) - Prevedere un coordinamento ad hoc tra Stato e Regioni in materia di ordine pubblico e disciplina della polizia locale, con il fine di realizzare 'una politica integrata per la sicurezza, in cui tutti i soggetti istituzionali, Comuni, Province, Città metropolitane, Regioni (comprese quelle a statuto speciale) e Stato concorrono alla realizzazione di tale politica, ciascuno nell'ambito delle rispettive competenze e sulla base di specifici accordi regolati dalla legge'.

È questo l'obiettivo principale, secondo quanto riferito dal relatore Alessandro Naccarato (Pd), di alcuni progetti di legge per il coordinamento in materia di politiche integrate per la sicurezza e di polizia locale.

Le pdl, il cui esame è proseguito nel corso della scorsa settimana in commissione Affari costituzionali a Montecitorio, sono state proposte, oltre che dallo stesso Naccarato, da: Fabio Rampelli (FdI), Sandra Savino (FI), Renata Polverini (FI), Guido Guidesi (Lega), Roberta Lombardi (M5s), Edmondo Cirielli (Fdi) e Maria Gaetana Greco (Pd, l'unica che vorrebbe una delega all'esecutivo sulla materia).

continua - in abbonamento

© Riproduzione riservata