Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

PROVINCE, LA CONFERENZA DELLE REGIONI CERCA IL CONFRONTO CON I COMUNI

province 24 luglio 2013

IDEE CHIARE INVECE SULLE NORME ANTICORRUZIONE: "DA RIVEDERE"

IDEE CHIARE INVECE SULLE NORME ANTICORRUZIONE: "DA RIVEDERE"

(Public Policy) - Roma, 24 lug - Idee chiare
sull'anticorruzione. Posizione ancora da definire
sull'abrogazione delle Province, prevista nel disegno di
legge costituzionale. La Conferenza delle Regioni ha
iniziato la riunione di oggi con all'ordine del giorno i
temi che saranno affrontati nelle Conferenze Stato Regioni e
Unificata di questo pomeriggio.

Tra i temi che dovranno essere esaminati anche le
prescrizioni in capo alle Regioni previste dalla legge
190/12 (Disposizioni per la prevenzione e la repressione
della corruzione e dell'illegalità nella pubblica
amministrazione
) e dai successivi decreti legislativi. Su
questo argomento la conferenza delle Regioni ha elaborato,
l'11 luglio scorso, un documento molto approfondito che sarà
con molta probabilità il testo sul quale si aprirà il
confronto con il Governo.

L'analisi della Conferenza contesta l'assetto
dell'anticorruzione evidenziando trenta punti critici sui
quali il Governo dovrebbe fare chiarezza. Alcuni, dalla
lettura del testo, appaiono secondo le Regioni in conflitto
con le competenze legislative regionali tanto da rasentare
l'incostituzionalità.

Il tema della possibile violazione della Carta affiora
anche nell'analisi del decreto legislativo 39/2013
(Disposizioni in materia di inconferibilità e
incompatibilità di incarichi presso le pubbliche
amministrazioni e presso gli enti privati in controllo
pubblico previsto dalla legge anticorruzione
) con le
possibili violazioni degli articoli costituzionali 2
(Diritti inviolabili dell'uomo sia come singolo che nelle
formazioni sociali; Ndr) e 51 (Accesso ai pubblici uffici;
Ndr).

Le Regioni ravvisano anche la violazione del principio
costituzionale della non retroattività della legge (articolo
25) visto che l'anticorruzione e i successivi dlgs dovrebbero
applicarsi anche per gli incarichi già in essere al momento
dell'entrata in vigore del testo. Posizione non ancora
definita invece sul disegno di legge costituzionale
sull'abolizione delle Province. La Conferenza vorrebbe
confrontarsi con i Comuni per stabilire una linea comune
sulle aree metropolitane. (Public Policy)

SAF

© Riproduzione riservata