Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

PROVINCE, SICILIA VERSO L'ABOLIZIONE, STASERA SI RIUNISCE LA GIUNTA

sud 04 marzo 2013

small_110630-144458_ro111007spe_0035

(Public Policy) - Roma, 4 mar - Si riunirà questa sera la
giunta regionale siciliana, guidata dal presidente Rosario
Crocetta, per varare l'abolizione delle Province. La mossa a
sorpresa è arrivata ieri dal governatore, ospite nel
pomeriggio della trasmissione L'Arena, su Raiuno, che ha
annunciato l'accelerazione della riforma.

Sabato il leader del Movimento 5 stelle Beppe Grillo aveva
sollecitato un intervento in questa direzione: "Stop alle
Province, inutili stipendifici". E lo ha fatto retwittando
un post di Matteo Mangiacavallo, deputato all'Ars di M5s:

"Il 13 febbraio 2013 - si legge - abbiamo presentato il
disegno di legge per l'abolizione delle Province in Sicilia
con il decreto legge n. 9 del 6 Marzo del 1986 venivano
istituite le provincie regionali, mai previste dallo statuto
Siciliano. Con l'abrogazione dell'ordine politico, risultato
un inutile stipendificio, noi vogliamo andare ad istituire i
liberi consorzi di Comuni previsti dall'articolo 15 dello
Statuto siciliano, che non vanno ad incidere sulla spesa
pubblica e quindi sulle tasche dei cittadini".

COSTI DELLE PROVINCE SICILIANE
Sono nove le Province siciliane e costano oltre 700 milioni
di euro all'anno. Presidenti, assessori e consiglieri
formano un esercito di 350 unità. Inoltre, secondo i dati
dell'Istat del 2009, lo Stato spende per le Province
siciliane 295 milioni, il trasferimento più imponente in
Italia. Il personale rappresenta quasi il 50% della spesa
corrente per un totale di 244 milioni annui. (Public Policy)

SOR

© Riproduzione riservata