Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Qualcosa si muove al Senato sul ddl consumo suolo

consumo suolo 28 agosto 2017

ROMA (Public Policy) - Il cassetto delle commissioni Ambiente e Agricoltura al Senato dove è riposta il ddl Consumo suolo si potrebbe aprire alla ripresa dei lavori del Parlamento. Il condizionale è d'obbligo parlando di un provvedimento presentato a febbraio 2014 a firma del Governo Letta e che, dopo un iter alquanto complicato alla Camera, è fermo a Palazzo Madama da luglio dello scorso anno (anche per un confronto con le Regioni che ha faticato a realizzarsi).

Ora però la relatrice, Laura Puppato (Pd), vuole rilanciare il testo. Per questa settimana, come sottolinea a Public Policy, ha in agenda una serie di incontri all'interno del Pd per un confronto politico che spiani la strada al ddl. Le scelte tecniche, racconta ancora la senatrice, sono state fatte. Sono attese modifiche su molti articoli (al 2, al 3, all'8, al 10 e all'11). In particolare, intervenendo sulle definizioni, rendendole più omogenee a quelle dei provvedimenti europei, e sul periodo transitorio, si punta a fare in modo che il provvedimento sia immediatamente applicabile. "L'obiettivo delle modifiche è rendere più chiaro il provvedimento e applicabile in tempi rapidi", dice ancora Puppato.

Al momento nelle commissioni di Palazzo Madama l'esame è ancora in una fase preliminare. Le audizioni sono terminate, ma non è stato ancora fissato un termine per la presentazione degli emendamenti. (Public Policy) FRA

segue in abbonamento

© Riproduzione riservata