Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

QUIRINALE, NAPOLITANO NOMINA 4 SENATORI A VITA

senato 30 agosto 2013

Senato-Italiano-Palazzo-Madama

SONO: ABBADO, CATTANEO, PIANO, RUBBIA

(Public Policy) - Roma, 30 ago - Il presidente della
Repubblica Giorgio Napolitano ha nominato oggi senatori a
vita, ai sensi dell'articolo 59, secondo comma, della
Costituzione, il maestro Claudio Abbado, la professoressa
Elena Cattaneo, l'architetto Renzo Piano e il professor
Carlo Rubbia, che hanno illustrato la Patria per altissimi
meriti nel campo scientifico, artistico e sociale.

I decreti sono stati controfirmati dal Presidente del
Consiglio dei ministri, Enrico Letta.
Il presidente ha informato delle nomine il presidente del
Senato Pietro Grasso. Il capo dello Stato ha dato
personalmente notizia della nomina ai neosenatori, porgendo
loro i più vivi auguri.

CLAUDIO ABBADO
Nato nel 1933, Claudio Abbado si è diplomato al
Conservatorio di Milano. Ha acquisito meriti artistici nel
campo musicale attraverso l'interpretazione della
letteratura musicale sinfonica e operistica alla guida di
tutte le più grandi orchestre del mondo. A tali meriti si è
congiunto l'impegno per la divulgazione e la conoscenza
della musica in special modo a favore delle categorie
sociali tradizionalmente più emarginate. Ha avuto la
responsabilità della direzione stabile e musicale delle più
prestigiose Istituzioni musicali del mondo come il Teatro
alla Scala e i Berliner Philharmoniker; ha ideato
istituzioni per lo studio e la conoscenza della nuova
musica. Si è in pari tempo caratterizzato per l'opera volta
a valorizzare giovani talenti anche attraverso la creazione
di nuove orchestre, come la European Union Youth Orchestra,
la Chamber Orchestra of Europe, la Mahler Chamber Orchestra,
la Orchestra Mozart.

ELENA CATTANEO
Nata nel 1962, Elena Cattaneo si laurea in farmacia
all'Università di Milano dove successivamente consegue il
dottorato e dal 2003 insegna come professore ordinario. Ha
operato come ricercatrice per tre anni al MIT di Boston nel
laboratorio del Prof. Ron McKay, dove ha avviato studi su
cellule staminali cerebrali. Rientrata in Italia, ha fondato
e dirige il Laboratorio di Biologia delle cellule staminali
e Farmacologia delle malattie neurodegenerative del
Dipartimento di bioscienze dell'Università di Milano,
dedicandosi allo studio della Corea di Huntington. E' stata
Rappresentante Nazionale presso l'Unione Europea per la
ricerca Genomica e Biotecnologica. Ha coordinato il progetto
europeo NeuroStemcell e, da ottobre 2013, coordinerà il
progetto NeuroStemcellrepair nell'ambito del 7° Programma
Quadro della Ricerca Europa.

RENZO PIANO
Nato nel 1937, Renzo Piano si laurea al Politecnico di
Milano nel 1964. Vincitore, tra l'altro del Premio Pritzker
(Washington), Praemium Imperiale, (Tokyo), Erasmus
(Amsterdam), Leone d'Oro, (Venezia). Dal 1994 è Godwill
Ambassador dell'Unesco per la Città. Ha costruito spazi
pubblici per le comunità, musei, università, sale per
concerto, ospedali. Tra i suoi più importanti progetti il
Centro Culturale Georges Pompidou a Parigi, l'aeroporto
Kansai in Giappone, l'auditorium Parco della Musica a Roma,
il museo dell'Art Institute a Chicago, il nuovo Campus della
Columbia University a New York. Nel 2004 istituisce la
Fondazione Renzo Piano, con sede a Genova, organizzazione
no-profit dedicata al supporto dei giovani architetti, che
accoglie a "bottega".

CARLO RUBBIA
Carlo Rubbia è nato nel 1934. Si è laureato presso la
Scuola Normale di Pisa e ha svolto il suo dottorato alla
Columbia University. Ricercatore al CERN di Ginevra dal
1961, ne è stato Direttore Generale dal 1989 al 1993. Per
diciotto anni ha svolto l'attività di professore di Fisica
presso la Harvard University. Nel 1984 ottiene il Premio
Nobel insieme a Simon van der Meer per la scoperta dei
particelle W e Z, responsabili delle interazioni deboli.
Membro delle più prestigiose accademie scientifiche, detiene
32 lauree honoris causa. Attualmente svolge le sue attività
di ricerca fondamentale al CERN e ai Laboratori Nazionali
del Gran Sasso. (Public Policy) SPE

© Riproduzione riservata