Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

QUIRINALE, NAPOLITANO: NON SI RIPETANO PIÙ ORRORI COME HIROSHIMA E NAGASAKI

QUIRINALE, NAPOLITANO: NON SI RIPETANO PIÙ ORRORI COME HIROSHIMA E NAGASAKI 06 agosto 2013

QUIRINALE, NAPOLITANO: NON SI RIPETANO PIÙ ORRORI COME HIROSHIMA E NAGASAKI

IL 6 AGOSTO 1945 GLI AMERICANI SGANCIARONO SUL GIAPPONE LA PRIMA ATOMICA

(Public Policy) - Roma, 6 ago - Il 6 agosto 1945 un
bombardiere americano sganciò sulla città giapponese di
Hiroshima la prima bomba atomica della storia (battezzata
ironicamente "Little Boy") uccidendo sul colpo 130 mila
persone e uccidendone altre centinaia di migliaia per le
radiazioni. Tre giorni dopo, il 9 agosto, sulla città di
Nagasaki gli americani lanciarono una seconda atomica ("Fat
Man") uccidendo subito 120 mila persone.

Il presidente della Repubblica, in occasione della
manifestazione di commemorazione del 68esimo anniversario
del bombardamento atomico di Hiroshima, organizzata dal
Comitato "Terra e Pace", ha inviato un messaggio al
presidente Athos De Luca nel quale rimarca che "custodire la
memoria di quell'immane tragedia è un impegno primario".

"Un futuro di pace - continua Giorgio Napolitano - può
costruirsi solo nella consapevolezza degli orrori, delle
devastazioni e delle tragedie provocate dai conflitti che
devono essere potente monito per le giovani generazioni".

Il capo dello Stato conclude così il messaggio: "È nostro
dovere rimanere vigili per scongiurare il ripetersi di
tragedie come quelle di Hiroshima e Nagasaki e per dare una
prospettiva di pace e stabilità a quanti ancora oggi
soffrono gli orrori della guerra". (Public Policy)

SPE

© Riproduzione riservata