Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Tutti i numeri del ministero sugli incidenti in ospedale

salute 27 aprile 2015

ROMA (Public Policy) - In poco più di 7 anni (da settembre 2005 a fine 2012) gli incidenti gravi negli ospedali e nelle strutture sanitarie sono stati 1918; nel 15,4% dei casi si è trattato di suicidio o tentato suicidio, nel 4,28% invece di morti o disabilità permanenti di neonati sani.

Sono questi alcuni dei dati contenuti nel 5° rapporto di monitoraggio degli 'eventi sentinella' (quelli di particolare gravità), pubblicato dal ministero della Salute. IL documento contiene delle segnalazioni arrivate dalle Regioni, attraverso il sistema Simes, da settembre 2005 sino al 31 dicembre 2012.

Come detto, i dati riguardano gli 'eventi sentinella', classificati come previsto dal Protocollo nazionale di monitoraggio, segnalati dalle strutture sanitarie e validati da Regioni, Pubbliche amministrazioni e ministero, entro il 31 dicembre 2012.

"I risultati offrono una panoramica complessiva - si legge nel documento - evidenziando in particolare la frequenza di segnalazioni per tipologia di evento, l'esito, il luogo e la disciplina interessata" e "le principali categorie di fattori contribuenti rilevate e la frequenza di piani di azione sul totale delle segnalazioni". Il documento è suddiviso in una serie di tabelle che distinguono appunto i tipi di eventi gravi all'interno delle strutture sanitarie.

NEL 2012 IN AUMENTO SEGNALAZIONI
Il ministero riferisce che per il 2012 ci sono state 466 segnalazioni), "con una sostanziale tendenza all'aumento del numero da parte delle strutture sanitarie rispetto al 2011 (407 segnalazioni).

"La tendenza al progressivo aumento del numero delle segnalazioni nel corso degli anni - si legge nel rapporto - è da ritenersi un elemento molto positivo, soprattutto se si attribuisce alla segnalazione il valore di un indicatore significativo della cultura della sicurezza raggiunta dalle organizzazioni sanitarie ed espressione del superamento, seppure lento, di quelle barriere che notoriamente ostacolano l'identificazione e l'analisi degli eventi avversi".

In alcuni casi - si legge - "si registra ancora la totale assenza di segnalazione, mentre alcune realtà sanitarie si caratterizzano per una attenzione mirata solo verso specifici eventi sentinella.

TIPI DI EVENTI 'SENTINELLA' E LE PERCENTUALI
Nella prima tabella il ministero riporta i dati riferiti agli eventi specifici avvenuti tra il 2005 e il 2012. In totale sono stati 1918. Il 24,6% dei casi ha riguardato "morte o grave danno per caduta di paziente" (471 casi); il 15,4% "suicidio o tentato suicidio di paziente in ospedale" (295); il 14,3% "ogni altro evento avverso che causa la morte o grave danno al paziente" (275); l'8,6% "atti di violenza a danno di operatore" (165). (Public Policy) SOR

continua - in abbonamento

© Riproduzione riservata