Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Rc auto, governo al lavoro sugli sconti obbligatori nel ddl Concorrenza

auto 20 febbraio 2015

ROMA (Public Policy) - Sconti obbligatori "senza alcun tetto minimo", e che siano "significativi" per le assicurazioni Rc auto. È quanto dovrebbe prevedere il ddl Concorrenza, uno dei provvedimenti più attesi nel prossimo Cdm. Lo si apprende da una bozza di documento preparatorio al testo normativo, di cui Public Policy ha preso visione.

Il testo parla di sei casi in cui le compagnie assicurative sarebbero tenute ad applicare gli sconti: ispezione preventiva del veicolo; installazione di scatole nere; installazione di dispositivi 'no alcol', e cioè tecnologie che impediscono l'avvio del motore qualora sia riscontrato un tasso alcolemico superiore ai limiti di legge; rinuncia della cessione del diritto al risarcimento dei danni derivanti da sinistro stradale senza il consenso dell'assicuratore tenuto al risarcimento.

E ancora: opzione da parte degli assicurati per il risarcimento in forma specifica per i danni a cose in assenza di responsabilità concorsuale; impegno, da parte degli assicurati che non hanno optato per la riparazione in forma specifica, a fornire informazioni sul soggetto che procederà alla riparazione in caso di sinistro "stabilendo un termine massimo entro il quale l'impresa dovrà procedere alla perizia del veicolo prima della sua riparazione".

SCATONE NERE E 'NO ALCOL'
Per quanto riguarda le scatole nere, le norme contenute nel ddl dovrebbero "ribadire" che i dati raccolti possono essere utilizzati a fini tariffari e per individuare la responsabilità in caso di sinistro. Si fa riferimento anche a requisiti hardware e software delle black box. Il ddl in proposito dovrebbe rimandare al decreto n. 5 del ministero delle Infrastrutture del 25 gennaio 2013, "limitatamente ai requisiti funzionali minimi necessari a garantire l'utilizzo dei dati raccolti ai fini tariffari e della determinazione della responsabilità in caso di sinistro". Da ultimo, nella norma in arrivo in Cdm si dovrebbe prescrivere che gli sconti siano superiori agli eventuali costi delle scatole nere e dei dispositivi no alcol, sostenuti direttamente dall'assicurato.

RISARCIMENTO IN FORMA SPECIFICA
Per quanto riguarda il risarcimento in forma specifica, si dovrebbe prevedere, da parte delle imprese, la garanzia di riparazione per almeno due anni in relazione alle parti del veicolo non soggette ad usura ordinaria. Le imprese che offrono la riparazione specifica inoltre dovrebbero, secondo quanto si apprende, "comunicare all'Ivass l'entità di sconto 30 giorni prima dell'entrata in vigore della nuova tariffa, specificando inoltre la tipologia dei veicoli e le zone territoriali in cui tale facoltà è offerta a tutti i contraenti, nonchè l'adeguatezza della propria rete di riparatori convenzionati".

SCONTI INDICATI NEI PREVENTIVI
Per tutti i casi di sconto, il ddl Concorrenza dovrebbe poi prescrivere che le imprese debbano indicare l'ammontare dello sconto praticato in sede di emissione del preventivo, e poi verificare i requisiti al momento della stipula del contratto.(Public Policy) LEP

© Riproduzione riservata