Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

REBUS GOVERNO, BRUNETTA (PDL): UNA GRANDE COALIZIONE CONTRO L'AUSTERITY UE

22 aprile 2013

VERSO IL VOTO, SCONTRO MONTI-BERLUSCONI. LEADER PDL: 'SE LUI FUORI MI UBRIACO'

(Public Policy) - Roma, 22 apr - "Il metodo di lavoro da
adottare da ora in avanti è quello della grande coalizione,
che metta in discussione le politiche di austerity europee".
Lo dice in un editoriale sul Giornale il capogruppo Pdl alla
Camera Renato Brunetta.

Per l'ex ministro della Pa la Banca centrale europea deve
ridefinire il suo ruolo e deve dotarsi "di poteri
paragonabili a quelli delle maggiori banche centrali
mondiali", mentre a livello nazionale è necessario "un piano
di dismissioni diretto ad alimentare un fondo per la
riduzione del debito, insieme ad altre operazioni
finanziarie straordinarie dirette ad accelerarne gli
effetti".

Le misure da prendere, per Brunetta: "Vendita del
patrimonio pubblico immobiliare, al centro come in
periferia, liberalizzazioni e privatizzazioni delle public
utilities, riduzione del peso delle industrie pubbliche,
sdemanializzazione nel territorio, emersione del sommerso in
capitale vivo". Il governo di coalizione dovrà insomma
"mettere in discussione la politica europea di austerity".

Inoltre Brunetta chiede "l'elezione diretta del presidente
della Repubblica", con "il potere e la legittimazione di
sanzionare chi, nel Parlamento, lavora per creare
instabilità e trarne vantaggi politici", con la legittimità
"di sciogliere le Camere". (Public Policy)

GAV

© Riproduzione riservata