Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

REBUS GOVERNO, CIVATI (PD) AL M5S: SENZA UN GOVERNO LE COSE NON CAMBIANO

11 marzo 2013

(Public Policy) - Roma, 11 mar - "Grillo ha ragione: il M5s
ha preso i voti contro i partiti, soprattutto. E da questo
derivano il suo successo e la sua trasversalità. Se si
alleasse con i partiti che ha avversato, si perderebbe il
motivo fondamentale del voto al M5s di due settimane fa
[...] Il collante fondamentale, al di là di tutto, è
l'anti-partitismo. C'è però un 'ma' grande come Montecitorio
e Palazzo Madama messi insieme: perché quei voti,
soprattutto nel caso dei militanti e degli attivisti più
antichi del M5s, erano voti per cambiare le cose. E così,
senza fare un governo, le cose non si cambiano". Lo scrive
nel suo blog sul Post Pippo Civati, neodeputato Pd eletto in
Lombardia.

"Da ultimo, l'argomento per cui non ci si può alleare con i
partiti - si legge ancora - vale anche per la proposta
rovesciata: ovvero che il governo lo faccia Grillo. Perché
poi qualcuno degli odiati partiti - mi dispiace, ma è così -
lo dovrebbe votare [...] Da una parte, insomma, c'è la
purezza del Movimento e delle sue ragioni elettorali.

Dall'altra, ci sono i suoi obiettivi (perché il M5s non è
antipolitico e non è solo protesta, come ci sentiamo
ripetere da tempo). In mezzo, ci sono gli eletti del M5s e
le loro opinioni". (Public Policy)

GAV

© Riproduzione riservata