Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

REBUS GOVERNO, LA RUSSA (FDI): ORA REPUBBLICA PRESIDENZIALE

La Russa 23 aprile 2013

La Russa

(Public Policy) - Roma, 23 apr - "La stima e l'ammirazione
per il presidente (Napolitano; Ndr) sono profonde. E mi
spiace si sia arrivati a lui solo in seconda battuta. È
perfetto per condurci alla riforma che attendiamo, l'unica
che può portarci fuori dall'impasse: la Repubblica
presidenziale".

È quanto dichiara il deputato Ignazio La Russa, cofondatore
di Fratelli d'Italia, in un'intervista a Repubblica.
"Avrei voluto votarlo - ammette il deputato - c'è stato un
dibattito. Ma il nostro voto di bandiera di sabato al
Capitano Ultimo ha avuto un significato politico. È stata la
bocciatura di un'operazione di cui il ritorno di Napolitano
era il preludio. Cioè l'inciucio. Ho parlato personalmente
col presidente e mi ha pure bacchettato perché ho usato quel
termine. Ma quello è, gli elettori lo chiamano così".

Nessuna fiducia al prossimo governo, insiste La Russa che
ribadisce: "Ci siamo impegnati coi nostri elettori, mai
governo tecnico e mai con la sinistra". Neanche se il futuro
governo sarà politico perché "sempre con la sinistra si fa.
Ne abbiamo fatto una questione di principio".

Sul totonomine che vede Amato premier, La Russa precisa:
"Ho un'alta considerazione della sua intelligenza, persona
che stimo, ma non sarà facile. Non so se il Pdl lo
considererà un politico e gli darà il via libera".

Nessuna marcia indietro sull'opposizione al governo: "Ci
candidiamo a essere una corretta opposizione di
centrodestra, non so che farà la Lega. Se poi il governo
proporrà qualcosa che ci convincerà, la voteremo, ovvio".
(Public Policy)

SAF

© Riproduzione riservata