Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

REFERENDUM, VENDOLA FIRMA 7 QUESITI RADICALI

REFERENDUM, VENDOLA FIRMA 7 QUESITI RADICALI 05 settembre 2013

REFERENDUM, VENDOLA FIRMA 7 QUESITI RADICALI

Foto - La Presse

(Public Policy) Roma, 5 set - Abrogazione della Bossi-Fini
su lavoro e immigrazione, abolizione dell'ergastolo,
revisione del divorzio breve, limitare la custodia cautelare
ai soli reati gravi, abrogazione della Bossi-Giovanardi,
revisione della destinazione dell'8xmille.

Questi i referendum radicali che sono stati firmati oggi
dagli esponenti di Sel, in primis dal leader Nichi Vendola e
dal capogruppo alla Camera, Gennaro Migliore.
"Firmo il referendum che prova a cancellare la vergogna
delle leggi razziali Bossi-Fini - ha detto Vendola arrivando
ai banchetti di Radicali e Sel allestiti a largo Argentina a
Roma - il referendum che vuole cancellare il reato di
clandestinità perchè l'Italia deve tornare ad essere uno
Stato di diritto. La condizione non può essere un reato".

"Firmerò - ha aggiunto Vendola - il referendum sul divorzio
breve perché il divorzio è una specie di calvario per
migliaia di famiglie. Poi firmerò il referendum per la
decarcerazione dei tossicodipendenti. Riempire le carceri di
tossicodipendenti è inutile nella lotta al narcotraffico.

Anzi, in questo modo il narcotraffico si è sentito protetto
perché ha potuto godere di un mercato clandestino".
"Poi - ha aggiunto Vendola - c'è la questione dell'8xmille:
non è possibile che quello non destinato venga ridestinato
alle confessioni religiose". "Infine - ha concluso Vendola -
firmerò per l'abrogazione dell'ergastolo". (Public Policy)

VIC

© Riproduzione riservata