Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Regioni, Parlamento e orari: c'è un problema, dice Boschi

boschi 07 aprile 2017

ROMA (Public Policy) - "Pongo un problema concreto: quando potrebbero essere presenti a Roma, per i lavori parlamentari, i rappresentanti delle Regioni, nei tempi necessari allo svolgimento dei lavori d'aula e compatibili coi lavori del Parlamento e di questa commissione?"

Lo dichiara la sottosegretaria alla presidenza del Consiglio dei ministri, Maria Elena Boschi, rispondendo a Francesco Ribaudo (Pd) in un'audizione in commissione Questioni regionali nell'ambito dell'indagine conoscitiva sulle forme di raccordo tra lo Stato e le autonomie territoriali e sull’attuazione degli Statuti speciali.

"Per esempio, banalmente - chiosa - non vi riunirete più alle otto di mattina (il che può essere - sorride - una buona notizia) perché diventa difficile per i rappresentanti delle Regioni (almeno di quelle più lontane) essere presenti a quell'ora, a meno che non rinuncino a mezza giornata di lavoro il giorno prima per potersi recare a Roma. Nella vita concreta dei lavori parlamentari a volte ci sono tempi concitatissimi, in cui c'è bisogno di decidere in poche ore, e bisogna valutare se siano compatibili con l'attività svolta nei Consigli o nelle Giunte regionali". (Public Policy) MAS

© Riproduzione riservata