Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Le regole sulle lobby finiranno nel ddl Concorrenza?

Lobby 15 gennaio 2016

ROMA (Public Policy) - di Viola Contursi - Potrebbe entrare nell'articolato del ddl Concorrenza una prima regolamentazione sulle lobby.

Secondo quanto si apprende, infatti, è stato presentato un emendamento al ddl sulle liberalizzazioni in commissione Industria al Senato che ripropone il ddl sulle Lobby presentato da Luis Alberto Orellana (ex M5s ora nel gruppo delle Autonomie).

Il ddl Orellana è stato adottato come testo base in I commissione a Palazzo Madama ma è incagliato da mesi senza passi in avanti. Ora, si apprende, l'ex senatore dei 5 stelle ha riproposto il ddl sotto forma di emendamento al Concorrenza e su questo, rivela il relatore Pd Luigi Tomaselli, da parte dei relatori c'è "grande interesse".

Il ddl di Orellana propone di istituire presso la presidenza del Consiglio un comitato per il monitoraggio dei 'lobbisti', con un apposito registro al quale i rappresentanti di interessi dovranno iscriversi per poter svolgere la propria attività.

E ancora: creazione di una banca dati contenente le proposte normative presentate dai parlamentari e "promosse" dalle lobby. Il disegno di legge prevede che chiunque voglia svolgere attività di lobbying dovrà iscriversi al registro.

Allo stesso obbligo saranno sottoposte anche le società "che hanno uno o più dipendenti preposti a tenere i rapporti con i decisori pubblici".(Public Policy)

@VioC

© Riproduzione riservata