Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Resocónto - 100

rivoluzione russa 10 novembre 2017

di Gaetano Veninata

ROMA (Public Policy) - Già disperavo di tornare a casa senza manco un brandello di ricordo, uno straccio di bandiera bolscevica, che dico, due parole buttate là, rivoluzionarie, quando ecco che mi risveglio, sento @bobogiac che invita il deputato Ottobre, Mauro Ottobre (Svp), a un intervento di fine seduta, e penso 'si chiama Ottobre, è il 7 novembre, ecco, ecco cosa aspettavo', e invece no. No.

Ottobre Mauro, dal Trentino Alto Adige, interviene per ricordare al "gentile presidente e" agli "onorevoli colleghi" che "è morta nella notte di domenica scorsa a Roma la contessa Maria Fede Caproni di Taliedo". Una contessa ricordata il giorno 7 novembre dal deputato Ottobre.

Affranto, sto per staccare tutto, correre scappare diventar menscevico, quando sento:

- Chiedo di parlare.

- Ne ha facoltà.

- Grazie, signor presidente. Sono passati cento anni da quando il treno piombato di Lenin arrivò alla stazione Finlandia della città che per settant'anni prese il suo nome, Leningrado, dando il via agli eventi che portarono alla rivoluzione di ottobre. Il 7 novembre del 1917, secondo il calendario gregoriano, i soviet, guidati dal partito di Lenin, presero il potere politico, cambiarono il corso della storia del Novecento.

Grazie, tovarisch Melilla. (Public Policy)

@VillaTelesio

 

 

 

© Riproduzione riservata