Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Resocónto

resoconto bomba 29 luglio 2016

di Gaetano Veninata

ROMA (Public Policy) - A parlare è il presidente della commissione Esteri della Camera, Fabrizio Cicchitto. Siamo al Senato, nell'aula della commissione Difesa:

"Il  mondo sta saltando. Cioè, l'ordine mondiale - da cui il libro di Kissinger - per cui era tutto sistemato, si risistemava tutto anche dopo il crollo del comunismo, sotto un'egemonia intelligente ma non molto marcata degli Stati Uniti...quel mondo lì è un mondo che è tutto saltato. E noi stiamo partecipando/assistendo, senza averne totalmente coscienza, a questa esplosione [...] Crediamo di vivere, come Pangloss, nel migliore dei mondi possibili e questo mondo ci sta saltando sotto il c***".

A questo punto si sente una matita che picchietta sul tavolo (il presidente della commissione Difesa al Senato, Nicola Latorre) e una risatina (il ministro Pinotti, audita insieme a Gentiloni).

Cicchitto capisce: "Sì sì, può essere verbalizzato, non c'è problema". O forse no, perché Latorre gli risponde: "No, non è il 'c***', è il tempo".

Risate, applausi, e ancora Cicchitto: "Un'ultima cosa: sulla questione libica....". (Public Policy)

@VillaTelesio

© Riproduzione riservata