Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Resocónto

studenti resoconto pink 08 luglio 2016

di Gaetano Veninata

ROMA (Public Policy) - Per la serie 'parole in libertà', legata indissolubilmente alla serie 'conseguenze della Brexit sulla retorica parlamentare', il menù di oggi propone:

- Il referendum di autodeterminazione in Scozia e su Brexit è un grande episodio di libertà, il più grande episodio di libertà dopo il crollo del muro di Berlino (Giancarlo Giorgetti, Lega Nord, in aula alla Camera)

- Tra i danni collaterali della Brexit prepariamoci a riparare al possibile controesodo dei nostri ragazzi, sparsi per le città inglesi. Non sarà una cosa lieve, visto che tra Londra e dintorni risiedono per lavoro o per studio alcune centinaia di migliaia di nostri giovani connazionali (Pino Pisicchio, gruppo Misto, in aula alla Camera)

- Signor rappresentante del Governo, non le farò l'elenco delle cose che bisogna fare: l'unione bancaria, completare il mercato interno, il Migration Act, la politica comune sulle migrazioni, ma basta con l'inglese. E non a causa del Brexit, perché ero contrario già prima all'inglese in aula (Rocco Buttiglione, Ap, in aula alla Camera).

E se qualcuno gradisse il dolce (ma non un gelato, per carità), c'è sempre lui:

Presidente Casini, stavo dicendo che la procura di Roma ha trovato reticenti i docenti di Cambridge (riguardo alla vicenda Regeni; Ndr), una realtà di cui si è parlato anche in questi giorni di Brexit. Quali sanzioni si possono assumere nei confronti di Cambridge? Quali ricambi di aereo possiamo non mandare più a Cambridge? Non gli manderemo più dei libri? Che cosa facciamo? Non gli mandiamo più gli studenti? Facciamo il 'Cambrexit'? (Maurizio Gasparri, Forza Italia, in aula al Senato). (Public Policy)

@VillaTelesio

© Riproduzione riservata