Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Resocónto

erasmo da rotterdam 11 novembre 2016

di Gaetano Veninata

ROMA (Public Policy) - "Non appena mi sono presentata a parlare dinanzi a questa numerosa assemblea, tutti i volti si sono improvvisamente illuminati di una certa nuova e insolita letizia" (Erasmo da Rotterdam - Elogio della follia).

PRESIDENTE. È così esaurita l'informativa urgente. Continuiamo con il nostro ordine del giorno. Adesso vogliamo ricordare il Giorno della libertà quindi...

RENATO BRUNETTA. Chiedo di parlare.

PRESIDENTE. A che titolo?

BRUNETTA. Sull'ordine dei lavori.

PRESIDENTE. Ne ha facoltà.

BRUNETTA. Signora presidente, guardando i filmati della seduta che è ancora in corso – l'avrà notato anche lei perché ho visto che interloquiva con il signor presidente del Consiglio – emerge come, al dire dell'onorevole Polverini, il presidente Renzi si rivolga all'Aula e anche a lei, signora presidente, dicendo: è matta, è matta [...] Il signor presidente del Consiglio è andato avanti per circa tre minuti a muoversi ed agitarsi nel suo posto, rivolgendosi a lei – se ne è accorta anche lei perché l'ho vista e lei gli ha detto di calmarsi (ho visto anche questo) – ed eccitando la sua parte politica che da quel momento ha cominciato a rumoreggiare interrompendo l'onorevole Polverini e indicando questa è matta, questa è matta. (Public Policy)

@VillaTelesio

© Riproduzione riservata