Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Resocónto
di Gaetano Veninata

uomo vitruviano sanità 02 ottobre 2015

ROMA (Public Policy) - Gli organi parlamentari:

IL BRACCIO
Se tizio perde un braccio mentre sta lavorando o lo perde in occasione di un sinistro stradale o lo perde in qualsiasi altra situazione in cui sia stato ingiusto perderlo e può chiedere un risarcimento del danno, a quel punto un braccio è sempre un braccio [...] E io invito davvero qualcuno a smentirmi, perché, altrimenti, il dubbio qual è ? Che un braccio vale in maniera differente a seconda che chi paga il risarcimento sia una assicurazione o un qualsiasi altro soggetto che non è una assicurazione (Alfonso Bonafede, deputato 5 stelle, in aula alla Camera durante il ddl Concorrenza)

LA BOCCA
Roberto Giachetti (presidente di turno in aula alla Camera, interrompe Cirielli per richiamare la collega Dorina Bianchi): Onorevole Bianchi, onorevole Bianchi...

Edmondo Cirielli: Però, Presidente, se mi interrompe lei, fa peggio dei colleghi che disturbano. Giusto per poter concludere. Non si preoccupi.

Roberto Giachetti: Io la ringrazio, onorevole Cirielli, però non è solo un problema suo. Il fatto è che il Governo deve seguire chi sta parlando. È una questione di rispetto per lei e per l'Aula. Se mi consente, stabilisco io. Mi dispiace interromperla, prego, riprenda.

LE GAMBE (E LA PANCIA)
Carlo Martelli (senatore 5 stelle, in aula al Senato durante il ddl Riforme, rivolto a Pietro Grasso): Allora guardi, io mi richiamerò all'articolo 55, ma con una premessa: secondo lei, è così che si amministra il diritto? Immagini se ad una persona, in sovrappeso di 50 chili, il chirurgo proponesse di tagliare entrambe le gambe, che fanno 50 chili, piuttosto che togliere 50 chili di grasso. Le sembra la stessa cosa? Evidentemente non lo è, ma mi faccia finire.

Pietro Grasso: Trattandosi di "grasso", capisce che mi interessa.

Carlo Martelli: Appunto.

L'ANIMA
Giovanni Endrizzi (senatore 5 stelle, in aula al Senato durante il ddl Riforme, sempre rivolto a Pietro Grasso): Signor presidente, ho la massima comprensione e solidarietà per la sua posizione. Mentre lei parlava pensavo: Ecce homo. Tuttavia, più che ad un crocifisso, pensavo ad una persona a cui è stata messa la camicia di forza per la condizione di impossibilità di manovra (senza battute volgari sul suo stato di salute).

Pietro Grasso (al termine del lungo intervento di Endrizzi): La ringrazio. (Public Policy)

@VillaTelesio

© Riproduzione riservata