Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Resocónto - Salme

vmIII re 05 gennaio 2018

di Gaetano Veninata

ROMA (Public Policy) - Assemblea costituente, seduta di lunedì 12 gennaio 1948.

Luigi Filippo Benedettini, Blocco nazionale della libertà: "Chiedo di parlare".

Umberto Terracini, Pci, presidente dell'Assemblea costituente:  "Su quale argomento, onorevole Benedettini?"

Benedettini: "Ho chiesto di parlare per pregarla di sottoporre all'Assemblea una proposta: l'Assemblea costituente, preso atto che un'altissima personalità ha espresso il cordoglio suo personale...

Terracini: "La prego, onorevole Benedettini, lei sta già facendo una proposta. Desidero pregarla di dirmi su quale tema essa verta".

Benedettini: "In tema di commemorazioni, credevo doveroso da parte mia di ricordare in questa Assemblea la scomparsa di Vittorio Emanuele III...(commenti a sinistra)

Terracini: "Onorevole Benedettini, mi perdoni se le faccio osservare che, giustamente, ognuno ha nel proprio cuore una fede e certi ideali, e nutre certi rimpianti, può e deve elevare a questa fede e a questi ideali nel proprio cuore un altare, e che coloro che hanno rimpianti comuni e possono comprendersi tra loro, possono riunirsi per dare a tali rimpianti voce concorde. Ma onorevole Benedettini, ella mi comprenderà se dico che in questa Aula, nella quale con grande solennità poche settimane or sono la Repubblica ha affermato i propri principi, forse questa voce suonerebbe ingrata anche a coloro dei quali tuttavia potrebbe esprimere il pensiero, perché troppo grave contrasto vi è tra la nuova realtà che abbiamo costruito e quel mondo antico che lei - e gliene do atto con rispetto - ancora rappresenta. Non credo pertanto opportuno darle la parola". (Public Policy)

@VillaTelesio

© Riproduzione riservata