Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Riapre il cantiere Concorrenza: da Flixbus alle farmacie

concorrenza 03 marzo 2017

ROMA (Public Policy) - Si riapre il cantiere Concorrenza. Il provvedimento arriverà la prossima settimana in aula al Senato dove saranno presentati dai relatori diversi emendamenti. Tra questi la correzione alla norma Flixbus inserita nel dl Milleproroghe.

Con il decreto approvato la scorsa settimana si prevede che le autorizzazioni per il trasporto di passeggeri su gomma possano essere rilasciate solo a raggruppamenti d'impresa, la cui capogruppo svolga come attività principale il servizio di trasporto su strada.

Flixbus, invece, è una piattaforma online e utilizza fornitori esterni per i servizi di trasporto e viene così esclusa dalle possibili autorizzazioni. Già con un ordine del giorno al decreto si era deciso di modificare la norma. Che sarà, appunto, corretta con il ddl Concorrenza. Sempre in tema di trasporti, sul tavolo c'è l'ipotesi di una modifica alle norme sui taxi.

Confermato poi l'arrivo di una norma cosiddetta anti-scorrerie, cioè l'obbligo per chi acquista partecipazioni in società quotate e operanti in settori strategici di comunicare gli obiettivi che si vogliono raggiungere nel corso dei sei mesi successivi. L'ipotesi al momento è quella di fissare l'obbligo già a partire dal 5%.

Due le novità in arrivo in materia ambientale. Una per sancire il passaggio delle competenze sui rifiuti all'Autorità per le energia. La norma era contenuta in un decreto di riforma della Pa, poi decaduto.

Un'altra, invece, punta a sbloccare l'avvio delle attività dell'Isin, l'Ispettorato nazionale per la sicurezza nucleare e la radioprotezione. Ipotesi di intervento anche sulle assicurazioni con un ritocco alla normativa sul rinnovo tacito sulle polizze assicurative accessorie (sulla scia di quello che è già previsto in termini di Rca).

Sulle farmacie, in arrivo, infine, l'abbassamento della soglia di proprietà in ambito regionale che dovrebbe passare al 15% rispetto all'attuale 20%.

Le modifiche dovrebbero essere votate, con la possibilità di sub emendare, in commissione (Industria). Il testo poi ripasserebbe all'aula. (Public Policy)

FRA

© Riproduzione riservata