Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

Dl Rientro capitali, verso ok Senato senza modifiche

veneto alluvione 24 marzo 2014

ROMA (Public Policy) - Sono circa 25 gli emendamenti depositati dai gruppi all'ex dl Rientro capitali nella commissione Finanze al Senato. Il testo, da cui è stato stralciato l'articolo 1 sulla volultary disclosure e in cui rimangono facilitazioni fiscali per gli emiliani, i veneti e i sardi colpiti dalle alluvioni di inizio anno, è stato licenziato giovedì scorso dalla Camera e sarà incardinato domani in commissione Finanze al Senato con la relazione del relatore Claudio Moscardelli (Pd) e la discussione generale.

Quindi mercoledì mattina ci dovrebbe essere una rapida analisi degli emendamenti in commissione e il via libera: il testo, che scade il 30 marzo, è infatti atteso in Aula per il pomeriggio o al più tardi per giovedì mattina. L'obiettivo, è chiaro, è non apportare modifiche al decreto al Senato, anche perché i tempi sono troppo stretti. Nel passaggio alla Camera, oltre allo stralcio dell'articolo sulla voluntary disclosure (quindi sul vero e proprio rientro dei capitali) sono state inserite norme per: salvare gli effetti della voluntary disclosure per coloro che avevano fatto domanda nel periodo trascorso dall'entrata in vigore del decreto allo stralciato dell'articolo; estendere anche agli alluvionati del Veneto la sospensione del pagamento di tributi e cartelle ed allungare la sospensione fino a ottobre 2014; permettere agli alluvionati di Emilia e Veneto la sospensione delle rate dei mutui per tutto il 2014. (Public Policy)

VIC

© Riproduzione riservata